Newsmercoledì 10 ottobre 2018 17:47

Lapide divelta e spezzata: la condanna dell'ARCI

Una provocazione che giova solamente a chi vuol alzare il livello dello scontro e che vuol intorbidire le acque dopo la corretta, anche se tardiva, decisione del Comune di togliere e modificare la lapide

Lapide divelta e spezzata: la condanna dell'ARCI

Il vandalismo non è mai la risposta corretta per difendere i valori 
democratici, costituzionali ed antifascisti. Oltretutto, il risultato 
voluto e richiesto a gran voce da gran parte della città, tra cui 
l'ARCI, era già stato ottenuto pacificamente e nell'ambito della 
discussione civile e democratica. Quello di stanotte è un atto da cui ci 
dissociamo e condanniamo fermamente. È evidentemente una provocazione 
che giova solamente a chi vuol alzare il livello dello scontro e che 
vuol intorbidire le acque dopo la corretta, anche se tardiva, decisione 
del Comune di togliere e modificare la lapide.
L'intera comunità savonese dovrà condannare tale atto, da chiunque 
commesso, riscoprendo i valori democratici, costituzionali ed 
antifascisti che sono il fondamento della nostra Repubblica.


Per ARCI Savona, la presidenza provinciale