Cultura20 gennaio 2019 08:09

Pagine di storia dell’emigrazione in Valbormida

Un patrimonio di oltre 2500 “storie d’emigrazione”, grazie al quale le vicende dimenticate di tanti uomini e donne diventeranno patrimonio comune per gli storici di tutto il mondo: del lavoro degli studenti dell'Istituto Patetta di Cairo Montenotte si parlerà giovedì 31 gennaio alle 16.30 presso la “Sala De Mari” del Palazzo di Città, in Piazza della Vittoria 29. Nel foyer del teatro comunale “Osvaldo Chebello”, inoltre, l’Istituto organizza una mostra sul tema, visitabile dal 28 al 31 gennaio 2019 con apertura dalle 15 alle 18

Pagine di storia dell’emigrazione in Valbormida

Il riscontro fotografico del materiale d’archivio ritrovato dagli studenti, coordinati dal prof. Massimo Macciò, sarà presentato all’interno della mostra “Pagine di storia dell’emigrazione in Valbormida”, organizzata dall’Istituto “Patetta”, di concerto con il CISEI (Centro Internazionale di Studi sull’Emigrazione Italiana) e con il patrocinio del Comune di Cairo Montenotte nel foyer del teatro comunale “Osvaldo Chebello” dal 28 al 31 gennaio 2019.

Nella giornata conclusiva, nella “Sala De Mari” del Comune si terrà un convegno dall’omonimo titolo con gli interventi di Furio Ciciliot (presidente della Società Savonese di Storia Patria), Alberto Saroldi (dirigente del Museo del Vetro di Altare e presidente del Comitato per il Gemellaggio Altare – San Carlos), Stefano Mallarini (esperto in storia dei movimenti migratori nel bacino del Bormida della SSSP) e Francesco Surdich, per oltre 40 anni docente di Storia selle Scoperte Geografiche e di altre discipline storiche nell’Università degli Studi di Genova e preside emerito della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’ateneo genovese.

com

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

domenica 17 febbraio
Un mare dentro
(h. 07:26)
giovedì 14 febbraio
sabato 09 febbraio
venerdì 08 febbraio
Diteci solo perché
(h. 16:42)
domenica 03 febbraio
Febbraio alla Ubik
(h. 11:17)
giovedì 31 gennaio
martedì 29 gennaio
domenica 27 gennaio
sabato 26 gennaio