Cultura23 marzo 2019 08:50

Vetrine d'Artista: espone Luciana Bertorelli

Dal 2 aprile al 7 maggio le opere della pittrice e ceramista saranno esposte in corso Italia: inaugurazione il 2 aprile alle 10

Vetrine d'Artista: espone Luciana Bertorelli

La pittrice e ceramista Luciana Bertorelli è nata a Bedonia, in provincia di Parma. Compie gli studi a Genova  diplomandosi al Liceo Artistico "N. Barabino", allieva del pittore Alberto Nobile e dello scultore Osvaldo Barbieri, quindi frequenta i corsi di pittura all´Accademia Ligustica di Belle Arti, poi si accosta al mondo della ceramica frequentando il Circolo Poggi “Amici della Ceramica” di Albissola Marina, collaborando con Guido Garbarino e Giovanni Cimatti di Faenza. 

Le sue collaborazioni, successivamente, si allargano con lo scultore Ylli Plaka e Luigi Canepa col quale espone alla XXVI edizione dell’Arnasca d’Argento. La vocazione all’arte è parte integrante della sua vita, declinata attraverso una costante ricerca sui materiali, le tecniche, le terre, le forme.

La sua è una sfida “oltre” l’attrazione terrena per traguardare, per riflettere  quale strada percorrere per il Cielo: un percorso di donna, d’artista dipanato con grazia e perizia. Tra pittura, sempre molto personale, materica, con brani di intensa poesia, e scultura con la ceramica la Nostra, si può dire, che sia, in qualche maniera, affascinata dall’arte sacra (il suo sguardo è indagatore sulle opere antiche da Giotto a Michelangelo, fino alle opere di Lucio Fontana) che traduce nella ricerca, sempre più complessa dalla modernità malata di tecnicismi, delle radici dell’Uomo: l’uomo ha “fame” di verticalità, cerca, anche, mediazioni verso l’infinito con l’Angelo custode, o avverte il battito di quelle ali leggere delle schiere celesti cercando quella “luce” che possa illuminare il proprio cammino, la propria vita.

Così gli angeli-uovo sono sculture forti che narrano con i tagli nella materia, il gioco avvolgente, misericordioso, delle ali, il colore caldo dell’ossido di ferro come ancora, e forse oggi di più di ieri, ci sia bisogno dell’”angelo di carità”  che abbia cura di questa umanità continuamente scoraggiata. 

Ha indagato la “maternità” come fonte di vita al di là dei confini temporali e geografici: le forme morbide delle maternità, siano auliche con la foglia oro, siano ammantate di un blu intenso, si possono intendere quali preziosi “ex voto”, intenzionalmente innocenti nella composizione plastica, semplici nella narrazione, visti con gli occhi e col cuore di un bambino. Versata in modo originale nella tecnica raku, oggi può vantare numerose mostre in Italia e all’estero (ha esposto in personali e collettive in Italia, Austria, Francia, Germania, Grecia, Turchia e U.S.A.).

E' presente in numerosi cataloghi e riviste d'arte dal 1970 ad oggi tra cui: Catalogo degli Scultori Italiani, editoriale Giorgio Mondadori 2009 e 2010; Dizionario degli Artisti Liguri, a cura di Germano Beringheli, De Ferrari edizioni 2009 e 2012. E’ inserita nella Collezione d’arte sacra contemporanea “Santa Rossello”, quadreria ideata e gestita dall’Associazione “Aiolfi” di Savona, nonché è tra i ceramisti presenti nella Collezione di ceramica moderna del Comune di Vendone.

(a cura di Silvia Bottaro)

Iniziativa: Vetrine d’artista – sede Banca Carige, ex Carisa, corso  Italia a Savona

Espone:  Luciana  BERTORELLI

Periodo: dal 2 aprile  2019 al 7 maggio 2019

Inaugurazione: 2 aprile  2019, ore 10

Curatore: Dr.a Silvia Bottaro, presidente Associazione “Aiolfi” no profit, Savona e  critico d’arte

Immagine:

Luciana Bertorelli, IL PIATTO DELL'AMORE, piatto ceramico modellato a mano, colorato con ossidi e smalti, diam 60.

com

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

martedì 23 aprile
sabato 20 aprile
Olga
(h. 06:46)
venerdì 19 aprile
giovedì 18 aprile
lunedì 15 aprile
sabato 13 aprile
giovedì 11 aprile
Paolo per noi
(h. 14:32)
domenica 07 aprile
Vita partigiana
(h. 07:12)