Crisi Complessa28 maggio 2019 18:21

Crisi complessa: il bando regionale dovrebbe partire a luglio. Alleluia

L'assessore regionale Benveduti: "il bando da 12,5 milioni verrà approvato a fine giugno, e sulla filiera delle rinfuse chiederemo un incontro al Ministero dello Sviluppo economico e a quello dei Trasporti"

Crisi complessa: il bando regionale dovrebbe partire a luglio. Alleluia

GENOVA. “Verrà approvato a fine giugno il bando regionale da 12,5 milioni di euro per le nuove attività produttive dell’area di crisi industriale complessa di Savona”. Lo comunica l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti all'incontro odierno con Provincia di Savona, sindacati, associazioni di categoria e Autorità di Sistema Portuale. 

Una misura tempestiva rivolta alle piccole e medie imprese, che vuole rispondere alle esigenze di un territorio che è ancora in attesa dei finanziamenti del bando nazionale. “Dopo il nostro sollecito, abbiamo notato un atteggiamento più propositivo. Ma, raccogliendo anche le istanze del territorio, abbiamo condiviso la necessità di accelerare subito per partire con la presentazione dei progetti a luglio”. 

L’agevolazione sarà un mix tra fondi a prestito rimborsabile più accompagnamento a fondo perduto. “Abbiamo pensato alla presentazione dei progetti – continua Benveduti - e non alla manifestazione d’interesse proprio per evitare un doppio passaggio, che avrebbe creato le stesse criticità riscontrate con il bando nazionale, non compatibili con i tempi d’investimento delle imprese”. 

Benveduti, nel primo pomeriggio, ha presieduto anche il tavolo dedicato alla cosiddetta “filiera delle rinfuse di Savona”, durante il quale ha comunicato che, oltre a raccogliere le preoccupazioni del territorio, si farà parte attiva per verificare le prospettive e il monitoraggio degli avanzamenti dell’azienda. “Chiederò un incontro al Mise e al Mit, credo sia il caso di fare chiarezza. A Savona troviamo l’unica produzione di coke in Italia, e una delle poche in Europa. È opportuno chiedere ai ministeri competenti se esiste un’idea di pianificazione industriale che valorizzi la funzione strategica di una simile produzione, anche nell'ottica di filiera integrata dell’acciaio” conclude l’assessore.

comunicato stampa