Cultura28 maggio 2019 17:33

Le mura che difendevano Savona

Arsenale Sforzesco, Ospedale Grande della Misericordia, Oratori delle Confraternite e i resti delle mura che difendevano la città: testimonianze archeologiche del passato di Savona di cui si parlerà domani, al Museo Archeologico

Le mura che difendevano Savona

Mercoledì 29 maggio alle 17, proseguono presso il "Civico Museo Archeologico", sul Priamàr, gli interventi correlati al Corso di introduzione all' Archeologia: si parlerà dell' Arsenale Sforzesco, dell' Ospedale Grande della Misericordia e degli Oratori delle Confraternite, che un tempo sorgevano sul Priamàr, dei quali rimangono ancora testimonianze archeologiche.  Si parlerà anche delle mura che difendevano la città e dei loro resti riapparsi durante gli sbancamenti eseguiti negli scorsi anni per costruire il Crescent e le altre opere progettate dall' arch. Bofill nelle aree adiacenti alla Fortezza.

 
Ingresso libero per tutte le persone interessate.


Alleghiamo un antico dipinto che raffigura anche l' abside dell' antica cattedrale che sorgeva sulla punta del promontorio roccioso del Priamàr, a picco sul mare (la parte inferiore dell' abside è tuttora conservata, inglobata nelle mura della Fortezza, tuttora ben visibile). 
Alleghiamo anche un particolare di una litografia che a fine 1900 fu tratta da questo dipinto: il particolare raffigura il grande Arsenale Sforzesco che nel 1472 i Duchi di Milano, in quel tempo Signori anche di Savona, fecero costruire sulla spiaggia compresa tra i Castelli di S. Giorgio e S. Maria, nel momento in cui decisero di far diventare il Ducato una potenza pure marittima, soprattutto per contrastare la flotta catalana. Nell' Arsenale potevano trovare riparo fino a 30 galee, per la manutemzione invernale e per le periodiche riparazioni. occupava una superficie di oltre 16.000 metri quadrati. I suoi resti, rimasti interrati sotto i terrapieni della Fortezza e della successiva area industriale, sono riemersi una decina di anni or sono durante gli sbancamenti eseguiti per costruire quanto progettato dall' arch. Bofill (la nuova strada portuale in galleria artificiale e i palazzoni del Crescent1 e Crescent2).
Alleghiamo inoltre un particolare della volta e di una finestra della cripta dell' antica cattedrale di Santa Maria di Castello, ancora conservate nell' area archeologica del Priamàr. 

com

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 15 giugno
giovedì 13 giugno
martedì 11 giugno
Scuola e Museo
(h. 06:03)
lunedì 10 giugno
domenica 09 giugno
sabato 08 giugno
giovedì 06 giugno
Storie di tesori
(h. 06:45)
mercoledì 05 giugno