Cultura10 giugno 2019 11:31

Ritorna Castelfranco Classica

Inizierà venerdì 14 giugno alle 21.30 la seconda edizione di Castelfranco Classica, la rassegna musicale curata da Elena Buttiero e ospitata all’interno della Fortezza di Castelfranco, Sala della Botte, per tutto il prossimo fine settimana

Ritorna Castelfranco Classica

La manifestazione è organizzata dall'Associazione Culturale E20 con il patrocinio del Comune di Finale Ligure e  il sostegno della Fondazione A. De Mari.

Tutti i concerti sono a ingresso libero.

 

La direttrice artistica Elena Buttiero, per l’estate 2019, ha operato scelte in linea con l’idea di offrire una proposta musicale che privilegiasse la contaminazione   tra epoche, stili - compositivi e interpretativi-,  generi musicali, strumenti, artisti appartenenti a ‘mondi’ musicali differenti.

 

Venerdì 14 giugno, ore 21.30,  la rassegna si inaugura , all’interno della Sala della Botte  con ‘SEI  E SETTECENTO ALLA CORTE DEL RE’ un concerto che vede uniti due strumenti,  spinetta e  chitarra, in un dialogo  inconsueto ed estremamente affascinante, sulle tracce della produzione sei/settecentesca per spinetta – uno fra gli strumenti più amati e in auge dell’epoca-.

Un programma che prende le mosse da belle pagine vivaldiane per giungere ai territori della tradizione irlandese e del Nord Europa: oltre a Vivaldi, verranno eseguite musiche di Weiss, Giordani, Lyons, Cooper, Marshall.

A offrire questo ascolto straordinario con i due strumenti, entrambi a corde pizzicate, che,  uniti,  si amalgamano fondendo il suono rotondo e morbido della chitarra con la brillantezza vivace della spinetta, il duo formato da Francesca Ghilione alla chitarra classica e Elena Buttiero alla spinetta.

 

Sabato 15 giugno, sempre alle ore 21.30, gli strumenti chiamati a duettare saranno  clarinetto e violoncello nell’esecuzione di Ivana Zecca, una fra le più sensibili clarinettiste italiane e Jorge Andrés Bosso, violoncellista argentino tra i maggiori innovatori del tango contemporaneo.

Il programma, dal titolo  TRA DANZE E INVENZIONI! racconta  di passione, ritmo, sensualità attraverso un viaggio che, partendo dalle suggestioni viennesi e mitteleuropee  di stampo ottocentesco, giunge  fino al cuore della cultura sudamericana. Nel corso della serata verranno eseguite musiche di Bach, Holst, Copland, Poulenc, Piazzolla e dello stesso Bosso.

 

Infine, domenica 16 giugno, alle ore 21.30 la rassegna si concluderà con un omaggio dedicato a uno fra i generi musicali più amati al mondo: il tango. A eseguire alcuni fra i tanghi più noti, il gruppo TANGO TRES ovvero Silvio Zalambani, sax soprano e arrangiamenti,  Vittorio Veroli  violino e Donato D'Antonio  chitarra.

Il gruppo da oltre vent’anni si dedica alla ricerca del repertorio delle origini del tango noto come “Guardia Vieja” (Vecchia Guardia),  e degli stili più in voga tra il 1880 e il 1920 tra Buenos Aires e Montevideo: canzone folklorica e tanguillo andaluso, contradanza habanera e danza cubana, maxixe brasiliano, milonga creola e candombe uruguayano, milonga campera argentina.

Nel corso della serata verranno proposti  brani composti dai maggiori autori dell'epoca fra cui Bardi, Arolas, Saborido, Latasa, Ponzio,  Villoldo, Rodriguez. Gli arrangiamenti, tutti originali, sono elaborati dal sassofonista ed ideatore del progetto Silvio Zalambani.

 

 

CASTELFRANCO CLASSICA 2a edizione| Fortezza di Castelfranco | Sala della Botte

Venerdì 14, Sabato 15 e doemnica 16 giugno 2019 | ore 21.30

 

·             14 giugnoDUO BUTTIERO GHILIONE | SEI  E SETTECENTO ALLA CORTE DEL RE Elena Buttiero> spinetta, Francesca Ghilione> chitarra.

Musiche  di Vivaldi, Weiss, Giordani, Lyons, Cooper, Marshall

 

·             15 giugno> DUO BOSSO ZECCA | TRA DANZE E INVENZIONI!

Ivana Zecca> clarinetto, Jorge Andrés Bosso> violoncello

Musiche di  Bach, Holst, Copland, Poulenc, Bosso e Piazzolla

 

·             16 giugno> TANGO TRES | Silvio Zalambani> sax soprano e arrangiamenti,  Vittorio Veroli> violino Donato D'Antonio> chitarra

Musiche  di Bardi, Arolas, Saborido, Latasa, Ponzio,  Villoldo, Rodriguez 

 INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI 

 

INFO

tel. 335 6671370 – info@fortezzadicastelfranco.com

 

Gli artisti:

 

Francesca Ghilione Diplomata e Laureata in Chitarra Classica con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio "N.Paganini" di Genova, si è perfezionata in Svizzera e presso la prestigiosa Accademia "F. Tarrega" di Pordenone; ha poi studiato didattica, composizione e direzione.

Ha ottenuto primi premi e riconoscimenti in vari concorsi nazionali e internazionali.

Si è esibita in molti paesi tra cui Svizzera, Spagna, Inghilterra, Italia, Israele, Grecia, Germania, Francia e Brasile.

Il suo album Alma e il suo lavoro di ricerca sulla musica sudamericana è stato diffuso presso emittenti radiofoniche e televisive in Argentina, Grecia e Brasile.

Suona in Duo con il chitarrista brasiliano Roberto Rozado con cui ha realizzato nel 2010 l’album Água e Vinho che ha riscosso notevole successo.

Nel 2014 ha conseguito la Laurea di II livello in didattica strumentale con 110 e Lode presso il Conservatorio “Paganini” di Genova.

Suona una chitarra in abete del maestro Liutaio Roberto Rozado del 2013.

 

Elena Buttiero. Diplomata presso il Conservatorio di Torino, ha tenuto concerti in molte città italiane, in Svizzera, Germania, Irlanda, Francia, Romania, Serbia, Stati Uniti, Canada, Tanzania, Argentina ed Uruguay.

Ha pubblicato due CD in qualità di arpista con i Birkin Tree: Continental Reel e A Cheap Present.

Con Carlo Aonzo ha pubblicato Il mandolino italiano nel Settecento e Fantasia poetica.

Nel 2009 il Duo ha ottenuto il Premio regionale ligure, sez. Cultura, della Regione Liguria.

Nel 2012 ha pubblicato il cd Arethusa Consortium con repertorio per due arpe celtiche e plettri,

nel 2013 Saluti dall'Italia e nel 2015 Lontano nel mondo dedicato alle canzoni di Luigi Tenco.

Nel campo della didattica ha pubblicato per l'editore Carisch il metodo di solfeggio Il

Centone (2010), il metodo di pianoforte Primo Piano (2011), la Piano Antologia (2013) e la

Antologia pianistica a 4 mani (2014). Dal 1990 è docente di pianoforte presso la Scuola Media ad Indirizzo musicale “Guidobono” di Savona.

__________________________________

 

Jorge Andrés Bosso Negli ultimi anni ha realizzato lavori che rimandano sempre di più ad un’idea concettuale, alla ricerca di un pensiero trascendentale, metafisico: Kohelet, Duo I e Duo II, Piano Trio, Requiem, Bridges, Der Frühling der Minnesanger (Bach - Bosso), MOSHEE, Aulularia, Je Suis Surikov Kazakh.

Parallelamente ha proposto opere del passato sotto un’altra prospettiva: le orchestrazioni delle sonate per violino e pianoforte di Ravel, Debussy, Strauss scritte per Dora Schwarzberg, e le sonate per violoncello di Debussy nella versione per archi e successivamente per orchestra sinfonica, composte rispettivamente per Enrico Dindo e Gavriel Lipkind.

Ha avuto il privilegio di conoscere e collaborare con grandi musicisti quali Dora Schwarzberg, Ivry Gitlis, Martha Argerich, Lilya Zilberstein, Enrico Dindo, Mario Brunello ...

Alcune di queste collaborazioni sono state incise e prodotte su CD dalla casa discografica EMI.

Al tempo stesso si considera un compositore che non crede più nella divisione tra le diverse correnti musicali. Fa parte di questo suo pensiero l’ensemble BossoConcept.

Nel gennaio 2018, LimenMusic rilascia il cofanetto CD/DVD Tangos at an Exhibition! - inciso dal BossoConcept ensemble, ispirato alla musica nata a Buenos Aires.

In ottobre 2019 pubblicherà il suo secondo cofanetto.

Nel Gennaio 2014 DECCA rilascia la sua versione per violoncello e archi de Las Cuatro Estaciones di Astor Piazzolla, eseguita da Enrico Dindo insieme a I Solisti di Pavia.

Nel maggio 2014 ha realizzato la premiere delle sue Tre meditazioni per coro misto e violoncello, al Festival Biblico di Vicenza, durante la prolusione tenuta dal cardinale Gianfranco Ravasi.

Il 21 dicembre 2014 si realizza la premiere di Valentina! Un violoncello a fumetti, per solo violoncello e archi - commissionata da Enrico Dindo, I Solisti di Pavia e la Fondazione Banca del Monte di Lombardia – in collaborazione con l’Archivio Crepax presso il Teatro Fraschini di Pavia.

Nel dicembre 2018 debutta a Vienna presso la Wiener Staatsoper.

 

 

 

Ivana Zecca Ha conseguito la laurea biennale di secondo livello, indirizzo orchestrale, presso il Conservatorio G. Nicolini di Piacenza e il diploma di laurea abilitante in didattica della musica presso il medesimo Conservatorio. Ha seguito corsi di perfezionamento in musica da camera e clarinetto con i Maestri F. Meloni, A.Fantini, P. Beltramini e C. Palermo. Ha studiato direzione d’orchestra, didattica della musica, musicoterapia e ha seguito corsi di vocalità.

Svolge l’attività artistica e professionale sulla base dei principi in cui crede. Risultato di ciò sono le sue creazioni e partecipazioni a diversi progetti, sia in ambito artistico sia organizzativo. Dal ‘91 è direttore artistico dell’Associazione Serate Musicali in Valtellina - con la quale ha creato numerosi festival e manifestazioni artistiche nel Nord d’Italia convinta che il mondo dei suoni oggi sia pervaso da una fusione di stili, da un amalgama di tendenze: classica, flamenco, celtica, balcanica, klezmer, la canzone italiana d’autore, un festival dedicato al tango argentino, e spettacoli di teatro musicale - tutte manifestazioni in cui l’espressione ha un forte contenuto sociale e un senso ultimo verso la comunità.

Nel 2009 ha creato il Tango Festival a Morbegno in Valtellina e nel 2013 ha creato AlpiSonanti, festival di valorizzazione dei luoghi attraverso l’arte musicale, coreutica e teatrale, che abbraccia l’intera Provincia di Sondrio.

Suona in Italia e all’estero - Svizzera, Francia, Spagna, Olanda, Germania, Austria, Inghilterra, Brasile e Argentina; si è esibita in prestigiosi teatri italiani: Donizetti di Bergamo, Grande di Brescia, Sociale di Como, Comunale di Bologna, Fraschini di Pavia, Alighieri di Ravenna, Ponchielli di Cremona, Auditorium, Sala Verdi e Dal Verme di Milano, Municipale di Piacenza, per citarne alcuni.

Ha collaborato - e collabora - con le seguenti formazioni cameristiche: Artisti della Scala e Cameristi di Verona, Ensemble Strumentale della Scala, Camerata Opera Ensemble e con le seguenti orchestre: Filarmonica di Milano, Filarmonica di Parma, Orchestra del Litorale Pisano, I Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra del Festival Internazionale di San Gimignano, Orchestra Sinfonica di Lecco, Orchestra Stabile di Como, Orchestra Sinfonica di Milano G. Verdi, Civica Orchestra di Fiati, Orchestra di Fiati della Valtellina e Fermo Orchestra di Fiati.

E’ membro fondatore con Jorge A. Bosso del gruppo BossoConcept

Vive e lavora tra la Valtellina (SO) e Milano.

___________________________________________________________

 

 

Tango Tres Formatosi nel 1997, Tango Tres ha festeggiato il suo 20° anno di attività nel 2017 presentando il nuovo CD Entrada Prohibida, edito dalle Edizioni Musicali Borgatti.

Il progetto si distingue per la ricerca sul repertorio delle origjni del tango noto come “Guardia Vieja” (Vecchia Guardia), negli stili più in voga tra il 1880 e il 1920 tra Buenos Aires e Montevideo..

Tango Tres ha debuttato nel 1997 al “Palau de la Musica” di Valencia (Spagna) in occasione del "XI Festival Mondiale del Sassofono" esibendosi con successo e consenso di critica e pubblico in tutta Italia e anche in Argentina, Cile, Germania e Spagna.

La formazione ha realizzato 2 CD, Guardia Vieja nel 1998 ed Entrada prohibida nel 2017, entrambi editi dalle Edizioni Musicali Borgatti.

Nel 1999 il progetto ha esordito in due produzioni teatrali originali: Sombras de tango e Storie diTango, insieme al coreografo argentino Oscar Raúl Benavídez.

Il trio ha partecipato a numerosi festival, tra i tanti: "VIII VerticeMondiale del Tango" (Bariloche-Argentina '09), "El Vesuvio" (Buenos Aires-Argentina '09), "Los Porteñitos" (Buenos Aires-Argentina '09), "Ravenna Festival" (Ravenna ‘10), "Concerti dell'Alba" (Cesenatico-FC '10), "ERF Emilia Romagna Festival” (Conventello-RA '12), “Teatro dei Sozofili” (Modigliana-FC '15), “I Notturni alle Conserve” (Cesenatico-FC '15), “Teatro degli Animosi” (Marradi-FI '16), “SchwörhausKonzert” (Schwäbisch Gmünd-Germania '17), “Recondite Armonie” (Brisighella-RA '17), "Festival Musica e Poesia” (Parma '17), "ERF Emilia Romagna Festival” (Abbazia Pomposa-FE '17), “15° Jazz Pourpre Périgord Festival” (Bergerac-Francia ‘18), "XI Vertice Mondiale del Tango" (Melilla-Spagna '18), ecc..

Tango Tres ha rappresentato l'Italia in quattro edizioni del "Vertice Mondiale del Tango" (Siviglia-Spagna ’05, Valparaiso-Cile ’07, Bariloche-Argentina ’09, Melilla-Spagna '18), a seguito del successo ottenuto sono stati intervistati dal vice presidente dell'Accademia Nazionale del Tango di Buenos Aires,

sig. Gabriel Soria per la TV argentina "Solo Tango".

La formazione si è esibita varie volte a Buenos Aires (Argentina), in diretta dal vivo alla Radio Nazionale Argentina e in rinomati club del tango come "El Vesuvio" e "Los Porteñitos", così come nella città patagonica di San Martín de los Andes.

Tango Tres collabora col narratore argentino Rubén Andrés Costanzo.

com

Le notizie de LA NUOVA SAVONA