Mezza politica02 luglio 2019 14:58

Ospedale San Paolo: le passerelle roventi

Ospedale San Paolo di Savona senza condizionatori, le promesse dell'assessora. Gianni Pastorino (Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria): fa un po’ sorridere che l’assessore propagandi uno stanziamento da 7 milioni per il San Paolo e quindi prometta che il prossimo anno i condizionatori saranno installati. Suona proprio come una bella promessa agli elettori, visto che, caso strano, nel 2020 si vota

Ospedale San Paolo: le passerelle roventi

«Eravamo già sicuri che la giunta regionale non credesse ai mutamenti climatici: il pesante intervento tentato sulle aree protette con la legge “taglia-parchi” e la continua staticità del centrodestra sui temi ambientali non hanno mai fatto presagire nulla di buono.

Oggi registriamo un’ulteriore prova che l’assessore Viale non abbia ben compreso la portata del riscaldamento globale.

Le sue dichiarazioni sulla mancanza di condizionatori d’aria in alcuni reparti dell’Ospedale San Paolo di Savona dimostra in maniera inequivocabile come questa giunta, che governa ormai da 4 anni, si sia ben guardata dal fare interventi mirati per migliorare la qualità della degenza per chi è ricoverato in questa struttura». 

Lo dichiara il capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino, commentando gli esiti del sopralluogo dell’assessore regionale alla sanità presso l’ospedale savonese.

«A dirla tutta, fa un po’ sorridere che l’assessore propagandi uno stanziamento da 7 milioni per il San Paolo e quindi prometta che il prossimo anno i condizionatori saranno installati. Suona proprio come una bella promessa agli elettori, visto che, caso strano, nel 2020 si vota – prosegue Patorino -. Dopo l’inerzia dimostrata dalla giunta nei confronti di questo ospedale, sinceramente ci sembra molto difficile crederle. Invece, l’assessore avrebbe dovuto iniziare da tempo una ricognizione sulla presenza e funzionalità degli impianti di condizionamento nei nosocomi, soprattutto quelli che ospitano persone in età avanzata o affette da patologie particolarmente debilitanti. Dopo 4 anni l’assessore Viale non potrà incolpare chi l’ha preceduta di queste evidenti carenze. Niente aria condizionata per i malati, solo aria di campagna elettorale».

com

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 20 luglio
martedì 16 luglio
mercoledì 03 luglio
martedì 02 luglio
sabato 22 giugno
giovedì 20 giugno
mercoledì 19 giugno
martedì 18 giugno
lunedì 17 giugno
mercoledì 12 giugno