News05 luglio 2019 12:12

L'ANPI ricorda il Partigiano Ascanio

Un esempio di vita per tutti, ed in particolare per le generazioni che oggi sono chiamate a raccoglierne il testimone

L'ANPI ricorda il Partigiano Ascanio

All'età di 98 anni è mancato il Comandante Partigiano "Ascanio" Adolfo Barile. 

"Ascanio" fu il primo Comandante del Distaccamento "Rebagliati"*, della 4^ Brigata d'assalto Garibaldi, Divisione "Gin Bevilacqua".  *(intestato a Carlo Rebagliati, uno dei sette fucilati al Forte della Madonna degli Angeli il Natale di Sangue del 1943" 27/12/1943).

Successivamente, ad "Ascanio" viene affidato il Comando del Distaccamento "Giacosa*", 6^ Brigata d'assalto Garibaldi, anch'esso  compreso nella Divisione garibaldina "Gin Bevilacqua" al momento della sua formazione (30/01/1945) (anche Arturo Giacosa fu uno dei sette fucilati dai fascisti nel Natale di Sangue).

Ampiamente dimostrate le proprie capacità di comandante,  Adolfo Barile "Ascanio" viene chiamato al Comando della 6^ Brigata con il ruolo di Vice Comandante  che regge fino alla Liberazione ed alla smobilitazione del Corpo Volontari della Libertà. 

L'aver messo la propria vita al servizio della Libertà e della Giustizia sociale; l'aver espresso il meglio di se stesso nei venti mesi di Guerra di Liberazione; l'aver continuato anche negli anni successivi, nell'impegno politico e sociale per affermare i valori della Costituzione che come Partigiano aveva contribuito a conquistare, ha fatto di "Ascanio" un esempio di vita per tutti, ed in particolare per le generazioni che oggi sono chiamate a raccoglierne il testimone.

L'ANPI di Savona rivolge alla famiglia le condoglianze degli antifascisti savonesi.

com