News17 luglio 2019 06:54

“Sherlock Holmes e i delitti di Jack lo Squartatore” al 53° Festival di Verezzi

Dagli scritti di Sir Arthur Conan Doyle, con le sue intuizioni e congetture sull'identità del serial killer

“Sherlock Holmes e i delitti di Jack lo Squartatore” al 53° Festival di Verezzi

Il quarto appuntamento del calendario del 53° Festival di Borgio Verezzi sarà “Sherlock Holmes e i delitti di Jack lo Squartatore” di Helen Salfas (pseudonimo dietro il quale si cela un noto drammaturgo inglese), in prima nazionale mercoledì 17 e giovedì 18 luglio. Piazzetta Sant'Agostino si appresta quindi ad ospitare un altro giallista, dopo Georges Simenon e Agatha Christie delle stagioni trascorse. Sul palco, Giorgio Lupano, Francesco Bonomo e Rocio Munoz Morales saranno affiancati da Emanuela Guaiana, Giada Lorusso, Tommaso Minniti, Giulia Morgani, Emiliano Ottaviani e Stefano Quatrosi. Regia di Ricard Reguant, che firma anche l'adattamento con Cata Munar, traduzione di Gianluca Ramazzotti.

Reduce da successo spagnolo, anche la versione italiana rende omaggio a queste figure mitiche sempre alle prese con mille misteri, risolti dalla logica di un grande investigatore affiancato dal fedele dottor Watson.

E non tutti sono a conoscenza che effettivamente Sir Arthur Conan Doyle, lo scrittore di gialli, si recò a Scotland Yard per offrire consulenze a proposito dei delitti che venivano perpetuati nella Londra Vittoriana. Molte delle lettere che lui inviò, contenenti congetture e intuizioni sull'identità del pericoloso serial killer, sono stati ritrovate e utilizzate per la stesura di questo spettacolo che unisce un personaggio d'invenzione alla realtà.

Lupano (che a Verezzi sarà Sherlock) ha già calcato con successo le scene in Piazzetta (“Figli di un Dio minore”, Premio Camera di Commercio Riviere di Liguria 2016) ed è anche protagonista nel 'Paradiso delle signore', soap opera di RaiUno; pure Bonomo (che vestirà i panni di Watson) è volto conosciuto dagli assidui spettatori del calendari estivi verezzini: due anni fa, nella bellissima “Cena delle belve”, interpretò l'amico cieco; Munoz Morales (che sarà una celebre spia), è in questi giorni nella serie televisiva 'Un passo dal cielo' sempre su RaiUno, dopo essere stata fra i conduttori del Festival di Sanremo 2015. 

Le anticipazioni parlano di una pièce piena di avventura e suspance “verso una verità molto più sconvolgente di quanto i personaggi potessero immaginare”.

Inizio alle ore 21.30.

A seguire, lunedì 22 e martedì 23 luglio, sempre in prima nazionale, “Liolà” di Luigi Pirandello, con Giulio Corso e la partecipazione di Enrico Guarneri, adattamento e regia di Francesco Bellomo.

Sabato 27 e domenica 28 luglio, Enzo Iacchetti e Pino Quartullo anche regista ci attendono per la quinta prima nazionale dell'estate 2019: “Hollywood Burger” di Roberto Cavosi. Il calendario di luglio terminerà con “D.E.O. ex macchina” di e con Antonio Cornacchione, regia di Giampiero Solari. Nel cartellone di agosto, altri quattro titoli al loro debutto. 

Info: www.festivalverezzi.it, 019 610167, biglietteria@comuneborgioverezzi.it (nella foto: Bonomo, Lupano, Munoz Morales)

Laura Sergi