Cose belle05 agosto 2019 18:20

Cinema in Fortezza: il programma della settimana

La terza settimana di programmazione inizia domani con "Van Gogh - sulla soglia dell'eternità"

Cinema in Fortezza: il programma della settimana

mar 6 agosto "EuropaCinema"
Van Gogh - sulla soglia dell'eternità
di Julian Schnabel
con Willem Dafoe, Oscar Isaac, Rupert Friend, Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner, Mads Mikkelsen
Gran Bretagna/Francia/USA 2018, 110'

È di sole che ha bisogno la salute e l'arte di Vincent van Gogh, insofferente a Parigi e ai suoi grigi. Confortato dall'affetto e sostenuto dai fondi del fratello Theo, Vincent si trasferisce ad Arles, nel sud della Francia, a contatto con la forza misteriosa della natura. Ma la permanenza è turbata dalle sue nevrosi incalzanti e dall'ostilità dei locali che biasimano la sua arte e la sua passione febbrile. Bandito dalla "casa gialla" e ricoverato in un ospedale psichiatrico, lo confortano le lettere di Gauguin e le visite di Theo.

22 anni dopo "Basquiat", Julian Schnabel, regista di "Prima che sia notte" e "Lo scafandro e la farfalla", torna a parlare della grande arte e lo fa portando al cinema gli ultimi, tormentati anni di Vincent van Gogh. Il genio "maledetto" di van Gogh raccontato attraverso gli occhi di un artista contemporaneo, con la collaborazione di Jean-Claude Carriere per la sceneggiatura. Ad interpretare l'irrequieto pittore olandese è chiamato Willem Dafoe, premiato alla mostra del cinema di Venezia con la Coppa Volpi per il Miglior attore. Il film diventa Dafoe, che incarna magistralmente il ruolo del reietto, dell'incompreso e irascibile artista capace di trasferire sulla tela il magma della sua esistenza. L'attore americano ha 63 anni, van Gogh 37 quando morì, eppure la differenza d'età, sotto il cappello di paglia che portava come una divisa, non si nota proprio. Dal burrascoso rapporto con Gauguin a quello viscerale con il fratello, fino al misterioso colpo di pistola che gli ha tolto la vita. Tra conflitti esterni e solitudine, Schnabel ripercorre un periodo frenetico e molto produttivo che ha portato alla creazione di capolavori che hanno fatto la storia dell'arte e che continuano a incantare il mondo intero. "Van Gogh - sulla soglia dell'eternità" è un film sulla creatività e sui sacrifici del genio olandese, sull'intensità febbrile della sua arte, sulla sua visione del mondo e della realtà.

Trailer del film: https://www.youtube.com/watch?<wbr></wbr>v=8tUCfdyFosw


gio 8 agosto "Lights, Camera, Action!"
Aladdin
di Guy Ritchie
con Will Smith, Billy Magnussen, Naomi Scott
USA 2019, 128'

Aladdin è un ragazzo poverissimo che campa di espedienti nella città di Agrabah. Durante un furtarello incontra la principessa Jasmine cui è stato proibito di uscire dal palazzo reale; ma Jasmine vuole conoscere la sua città e va in giro spacciandosi per la sua ancella. Quando Aladdin scopre la vera identità della principessa è troppo tardi, ne è già innamorato. Il perfido visir Jafar, desideroso di impossessarsi del trono del sultano, spedisce Aladdin a rubare una lampada dalle proprietà soprannaturali. Il ragazzo riesce a trovarla e, con essa, il genio che la abita, conquistando così la possibilità di esprimere tre desideri...

Con questo remake di "Aladdin" dal vero, in linea con il "Dumbo" burtoniano, la Disney riprende in mano la sua indimenticabile storia recente degli anni Novanta. È rischioso riproporre un titolo di quel periodo perché da una certa fascia anagrafica è considerato intoccabile. Ed è davvero singolare immaginare un regista rivoluzionario come Guy Ritchie al timone di un'impresa a suo modo convenzionale come questa rivisitazione. A interpretare il Genio è Will Smith, attore intelligente che ha avuto l'accortezza di cambiare completamente il personaggio senza soffocare il film con la propria presenza. Il Genio è in scena il giusto, arriva come una forza della natura ma sa quando lasciare spazio alle due giovani co-star: nel ruolo di Aladdin e della moderna principessa Jasmine ci sono due attori emergenti, perfetti per il ruolo, Mena Massoud e Naomi Scott. Sono loro l'anima romantica di "Aladdin": appartenenti a due mondi completamente diversi, scoprono di nutrire lo stesso desiderio di giustizia e libertà. Il film di Ritchie ha quindi una sua personalità e riesce a soddisfare i desideri di nostalgia e divertimento attraverso le emozionanti scene d'azione in stile parkour mediorientale, il carisma di Will Smith, la bellissima voce di Naomi Scott e la bravura del semi sconosciuto Mena Massoud.

Trailer del film: https://www.youtube.com/watch?<wbr></wbr>v=FLdEVdFZJgk


ven 9 agosto "Lights, Camera, Action!"
A star is born
di Bradley Cooper
con Bradley Cooper, Lady Gaga, Sam Elliott
USA 2018, 135'

Oscar 2019 per la migliore canzone originale ("Shallow").

Jack, stella del country rock la cui fama rischia di imboccare il viale del tramonto a causa dell'alcolismo, incontra una ragazza dal talento vocale incredibile di nome Ally e decide di aiutarla a muovere i passi giusti nel mondo della musica. In breve tempo i due si innamorano profondamente, ma mentre Ally continua la sua fulminante ascesa, Jack teme che i suoi problemi possano coinvolgere anche la donna che ama...

Quale è il prezzo per avere successo? È questa la domanda di fondo che accompagna i due protagonisti, Ally e Jackson, per tutta la durata del film. La storia raccontata da "A star is born" non è nuova nel mondo del Cinema. Il dramma vissuto dai suoi protagonisti è già stato raccontato, in modi più o meno simili, da ben quattro film: "A che prezzo Hollywood?" del 1932 (di George Cukor) e le tre famose versioni di "È nata una stella" (1937 con Janet Gaynor, 1954 con Judy Garland e 1976 con Barbra Streisand). Ciò che fa sì che "A star is born" si distingua da tutte le pellicole precedenti è il modo in cui la storia viene raccontata. L'intera opera è costruita in maniera tale da coinvolgere completamente lo spettatore, giocando su una solida qualità della fotografia e del sonoro, oltre che su un'ottima interpretazione da parte dei due attori principali. Bradley Cooper (in questa occasione anche novello regista) e Lady Gaga, infatti, entrano nel cuore del pubblico in un baleno, amplificando l'efficacia del film stesso. Sam Elliott duetta con il fratellastro Cooper ma la vera grande protagonista è lei, che qui si presenta molto più come Germanotta che come Lady Gaga. Le mise stravaganti sono bandite, rimane il suo talento puro, capace di sostenere l'intero film.

Trailer del film: https://www.youtube.com/watch?<wbr></wbr>v=jvMaHOOY5VA



dom 11 agosto "I Nastri d'Argento 2019"
Sulla mia pelle
di Alessio Cremonini
con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora
Italia 2018, 100'

Nastro d'Argento 2019 per il miglior film dell'anno; David di Donatello 2019 per il miglior regista esordiente, David Giovani, attore protagonista (Alessandro Borghi).

L'emozionante racconto degli ultimi giorni di Stefano Cucchi e della settimana che ha cambiato per sempre la vita della sua famiglia...

Sulla trama di questo film c'è poco da dire. Conosciamo tutti Stefano Cucchi e, nonostante nessuno fosse con lui negli ultimi momenti della sua vita, siamo consapevoli di che cosa sia successo. "Sulla mia pelle", opera seconda del regista Alessio Cremonini, indaga e racconta proprio gli ultimi sette giorni di Stefano. Guardando la pellicola, saltano subito all'occhio quali sono state le omissioni, le mancanze e le violenze del nostro sistema giudiziario, sanitario e carcerario. Allo stesso tempo, però, il film sceglie di raccontare anche i difetti del protagonista, le sue debolezze e le sue discutibili abitudini di vita. Il quadro che ne emerge è drammatico, sotto tutti i punti di vista. C'è l'uomo che si sente colpevole e che rifiuta ogni possibile aiuto, c'è lo Stato incapace di ammettere le proprie colpe, c'è la famiglia carica d'amore ma logorata dalle sue vecchie ferite. "Sulla mia pelle" ha vinto il Nastro d'Argento 2019 come film dell'anno ed è stato candidato a ben dieci David di Donatello, vincendone quattro: miglior regista esordiente, David giovani, miglior produttore e miglior attore protagonista. Proprio in riferimento a quest'ultimo, è impossibile non citare Alessandro Borghi, attore in grado di catalizzare l'attenzione dello spettatore in meno di un secondo, grazie alla sua eccezionale capacità interpretativa e alla sua fisicità. È sulla voce e sul corpo che Borghi compie il suo lavoro più prezioso, ritrovando quel tono sfuggente e lamentoso che apparentava Cucchi ai tanti giovani "sbagliati" di una Roma distratta, e quel corpo che negava a se stesso il nutrimento perché si percepiva come irrimediabilmente immeritevole.

Trailer del film: https://www.youtube.com/watch?<wbr></wbr>v=ep-O2Nl0P0s


Calendario delle prossime proiezioni

mar 13/08 - "7 uomini a mollo" di Gilles Lellouche
mer 14/08 - "Mia e il leone bianco" di Gilles de Maistre
gio 15/08 - "Il corriere - the mule" di Clint Eastwood
ven 16/08 - "Bohemian Rhapsody" di Bryan Singer
dom 18/08 - "Il primo re" di Matteo Rovere
mar 20/08 - "Il verdetto" di Richard Eyre
gio 22/08 - "Il professore e il pazzo" di P.B. Shemran
ven 23/08 - "BlacKkKlansman" di Spike Lee
dom 25/08 - "Troppa grazia" di Gianni Zanasi
mar 27/08 - "Cyrano mon amour" di Alexis Michalik
gio 29/08 - "La donna elettrica" di Benedikt Erlingsson


Info e contatti

L'apertura dell'arena e delle biglietterie avverrà alle 20.30. Gli spettacoli avranno inizio alle 21.30 circa. Ingresso 5 euro (ingresso "Free solo" applicato dalla distribuzione del film 8 euro)

Telefono: 366.1738906 (tutti i giorni dalle 15.00 alle 20.00)
E-mail: cinemainfortezza@officinesolim<wbr></wbr>ano.it

In caso di pioggia si invitano gli spettatori a conservare il biglietto per l'eventuale recupero della proiezione.

Programma di "Cinema in Fortezza" con le schede dei film: www.officinesolimano.it<wbr></wbr>/images/prog_pdf/savona_estate<wbr></wbr>_2019.pdf

Evento Facebook: https://www.facebook.com/event<wbr></wbr>s/410577406214490/

com

Le notizie de LA NUOVA SAVONA