Contromano24 settembre 2019 07:29

La miseria ci Costa

Mentre le prime pagine di tutto il moribondo Pianeta sono dedicate al vertice ONU sul clima Savona si distingue, al solito, per lungimiranza: qui non si parla della salute della Terra e tantomeno dei Savonesi, ma si elevano preghiere a Santa Crociera

La miseria ci Costa


Sono ormai ventiquattr’ore che ovunque ti volti trovi lo stesso articolo: i posti di lavoro, il numero dei crocieristi, il mirabolante impatto economico generato da Costa Crociere.

Qui siamo in crisi complessa, anzi in crisi nera, e il lavoro ci serve.

Tutti d’accordo.

E il turismo è davvero una risorsa.

Tutti d’accordo anche su questo, anche se dipende da quale turismo.

Però alcuni eccessi paiono assurdi: per esempio, il fatto che una città intera veda come unica risorsa una compagnia di navigazione privata, a beneficio della quale tra l’altro stanno sventrando il porto e crepando le case a spese pubbliche per far entrare una nave a gas di cui conosciamo i potenziali rischi ma non le misure preventive messe in atto per evitare incidenti.

Per esempio il fatto che la nave a gas sarà una, ma le altre continueranno ad ammorbare tutto il centro con i loro motori a nafta come fanno da vent’anni a questa parte.

Per esempio il fatto che un investimento esclusivamente su posti di lavoro da facchini e camerieri è un po’ poco, per un comprensorio dalla grande storia industriale che dovrebbe dedicarsi all’innovazione tecnologica e al turismo di qualità: perché gli investimenti a basso costo generano lavori precari e malpagati.

Ci piace pensare che Savona abbia ancora la dignità di guardare un po’ più in alto, e di aspirare a qualcosa di meglio.

Anzi, pretenderlo.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

mercoledì 22 gennaio
sabato 18 gennaio
venerdì 17 gennaio
giovedì 16 gennaio
Scusaci Sandro
(h. 09:48)
mercoledì 15 gennaio
sabato 11 gennaio
venerdì 10 gennaio
mercoledì 08 gennaio
sabato 04 gennaio