Contromano25 febbraio 2020 18:43

Nicoletta Dosio: dal dottore in manette

L'attivista NO TAV ammanettata sul cellulare e chiusa in una cella blindata con quattro guardie penitenziarie mentre veniva trasportata all'ospedale di Rivoli

Nicoletta Dosio nel giorno dell'arresto

Nicoletta Dosio nel giorno dell'arresto

La notizia ci è giunta solo oggi. Ieri la compagna Nicoletta Dosio ha effettuato una visita ambulatoriale all’ospedale di Rivoli. “Tutto bene sul fronte medico” scrive e questa è una buona notizia.

Ma è inaccettabile che Nicoletta sia stata portata ammanettata sul cellulare e chiusa in una cella blindata con quattro guardie penitenziarie.

Una compagna ambientalista e da sempre pacifista trattata alla stregua di pericolosa criminale. In ambulatorio Nicoletta Dosio ha incontrato l’abbraccio di una infermiera che ha dichiarato di sentirsi parte della famiglia NoTav.

Come Rifondazione Comunista ci riconosciamo e ci uniamo in quell’abbraccio e chiediamo conto ai ministeri competenti di un comportamento vessatorio e liberticida che dimostra come ci sia un accanimento verso la compagna e verso chiunque dimostri di opporsi alla spirale repressiva che governa il Paese

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale PRC-S.E.

Ezio Locatelli, Segretario provinciale di Torino, PRC-S.E.

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

venerdì 27 marzo
giovedì 26 marzo
Essere consapevoli
(h. 11:37)
lunedì 23 marzo
giovedì 19 marzo
domenica 15 marzo
De coccio
(h. 09:07)
sabato 14 marzo
#EroiUnaMinchia
(h. 08:44)
venerdì 13 marzo
giovedì 12 marzo
martedì 10 marzo
martedì 03 marzo