Contromano28 agosto 2020 09:01

PD: il coraggio che manca

Da tempo ormai assistiamo penosamente ai contorcimenti dei Dem per ingoiare il referendum sul taglio dei parlamentari. Un referendum che, semplicemente, non vogliono. Non lo vuole ciò che resta della loro base e probabilmente neppure la gran parte della dirigenza

PD: il coraggio che manca

Ma c’è l’accordo con i 5 Stelle da preservare, altrimenti il rischio è che cada il governo.

Temiamo però che la caduta del governo sia un pericolo minore rispetto alle conseguenze del referendum, se dovesse prevalere il Sì.

Non che non sia importante mettere un argine a Giorgia Meloni e ai suoi accoliti che bellamente dichiarano sul proprio profilo Facebook di essere xenofobi, omofobi, antidemocratici (!), anticostituzionali e perfino antisemiti.

È importante, ma non è così che l’argine terrà.

La diga può resistere solo se gli elettori di centrosinistra penseranno di potersi fidare del proprio partito di riferimento. 

E in politica ci si fida di chi ha coraggio, non di chi con un colpo al cerchio e uno alla botte tenta solo di rimanere in piedi.

Ci pensi bene Zingaretti, perché forse è meglio un governo caduto con la Costituzione preservata che un accrocchio sempre a rischio deflagrazione in un Parlamento indebolito.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

domenica 13 settembre
giovedì 10 settembre
Scappiamo con Toti
(h. 16:07)
giovedì 20 agosto
mercoledì 19 agosto
Ma la vasca no
(h. 12:16)
martedì 18 agosto
giovedì 13 agosto
lunedì 10 agosto
sabato 01 agosto
giovedì 30 luglio
mercoledì 29 luglio