Cultura10 ottobre 2020 13:30

Parliamo di salute mentale

Oggi è la giornata mondiale della salute mentale (Mental Health Day). Nata nel 1992, ha lo scopo di sensibilizzare la popolazione su diverse tematiche legate alla salute mentale, all’importanza e alla necessità di preservarla e alle conseguenze a tutti i livelli delle malattie dell’anima (di Chiara Pasetti)

Camille Claudel, La Valse (o Les Valseurs), 1883-1891

Camille Claudel, La Valse (o Les Valseurs), 1883-1891

Mai come in questo momento si rende necessario un dialogo sulla salute mentale; la pandemia che da mesi stiamo vivendo ha avuto e avrà molteplici conseguenze non solo sul corpo ma anche sulla mente di tutti noi. Stanno aumentando di giorno in giorno le sindromi da stress, i suicidi, gli attacchi di panico, le condizioni depressive e molte altre malattie talvolta tanto invalidanti quanto quelle fisiche.

Insieme alle notizie sul numero dei morti e dei contagiati per covid, sulle misure di prevenzione e sulle normative in vigore, sarebbe importante ascoltare psichiatri e psicologi parlare dei rischi connessi all’isolamento, delle modalità per gestire la paura affinché non si trasformi in panico, di come prevenire o curare le tante dipendenze che una situazione come questa ha acuito; e ancora delle (enormi) ripercussioni a livello psicologico ed emotivo per chi sta perdendo il lavoro o lo ha già perso, per chi non sa che futuro avrà e per i giovani, i bambini e gli adolescenti soprattutto, a cui è stato lasciato in eredità un mondo malato, povero e crudele. Da curare, se siamo ancora in tempo.

Ci sono tanti modi per parlare di salute e malattia mentale. Ma bisogna parlarne. Tra questi ci sono senz’altro anche il cinema e il teatro, che possono far conoscere le storie di personaggi che hanno vissuto esistenze segnate dalla depressione, dalla schizofrenia, da nevrosi e psicosi più o meno gravi.

Chi scrive è sempre stato affascinato dal tema “arte e follia”, e più in generale genialità e follia, a partire dal primo anno di università e dalla lettura del celebre testo di Jaspers che indaga le figure di Van Gogh e Strindberg. 

Negli ultimi vent’anni i saggi dedicati agli artisti affetti da disturbi mentali si sono moltiplicati, così come gli studi critici e di medicina volti ad analizzare le opere in relazione al vissuto patologico di chi le ha realizzate, e viceversa.

Oggi, per la prima volta dopo i mesi del lockdown e oltre, torna in scena Moi, monologo sulla scultrice francese Camille Claudel (1864-1943), interpretato dall’attrice Lisa Galantini per la regia di Alberto Giusta.

Un lavoro che ha debuttato quattro anni fa presso l’ex ospedale psichiatrico di Quarto a Genova.

A lei sono stati dedicati dagli anni ’80 in avanti biografie, saggi, esposizioni, documentari e due film interpretati, il più recente, da Juliette Binoche, e quello del 1988 da Isabelle Adjani, con Gérard Depardieu nel ruolo del maestro-amante Auguste Rodin.

Non si vuole qui riprenderne la vicenda, già analizzata in diverse sedi, né anticipare ciò che si vedrà a teatro.

Nella giornata mondiale della salute mentale la figura di una grande artista, morta in manicomio nel 1943 dopo trent’anni di internamento (deciso dalla madre e dal fratello Paul, con la diagnosi di “deliri di persecuzione”), ci sembra possa ancora far riflettere molto, a più di quarant’anni dalla legge Basaglia, specie sull’importanza del contesto prima di tutto familiare e poi affettivo e sociale che circonda un malato psichico.

Chi avesse il desiderio di conoscere meglio Camille Claudel potrà vedere lo spettacolo stasera presso Spazio Kor ad Asti, nell’ambito della stagione Public 20/21 promossa dal Teatro di Dioniso, e soprattutto potrà ammirarne le opere presso il Musée Camille Claudel (che ha inaugurato nel 2017) e in altri musei non solo francesi.

Per non ripetere quanto già scritto in altre occasioni, si sceglie di riportare qui un incontro-dialogo immaginario tra Camille Claudel (indicata con la K. perché spesso nelle lettere si firmava Kmille, precorrendo forme di scrittura tipiche della nostra epoca) e un certo signor Karaphon (uno dei tanti soprannomi di uno scrittore al quale è stata attribuita una forma di epilessia, mentre quasi certamente si trattò di istero-epilessia).

In questo breve divertissement già pubblicato in un volume sulla scultrice sono evocati e citati anche altri autori tra cui Ibsen, Nietzsche e Kafka.

Nella realtà i due protagonisti di questo dialogo non si incontrarono mai.

Ma almeno nei sogni tutto è concesso.

Forse, tra gli intenti di chi lo ha scritto, c’era quello di regalare a Camille, seppur nella finzione, un momento di leggerezza e serenità, che tranne durante l’infanzia e la prima adolescenza non ha più potuto vivere, e anche farle incontrare un uomo, e che uomo!, che senza intenti seduttivi o comunque opportunistici ne cogliesse la personalità eccezionale e la bellezza prima di tutto interiore.

Qualcuno, insomma, che la facesse sentire compresa e meno sola… Ciò che tutti noi potremmo fare nei confronti di chiunque e specialmente nei confronti di chi soffre di una malattia, organica o psichica che sia.

Perché non ci si ammala e non si muore solo di malattie del corpo. E questo non è, purtroppo, un sogno, una pièce teatrale o una finzione ma una realtà quanto mai attuale, che insieme a quella del covid è necessario raccontare alle persone in tutta la sua verità e drammaticità.

 

Un valzer per Camille

K.   : - Perché, Mademoiselle, girate sempre tutta sola con un cranio di rinoceronte sotto braccio?

K.  : - Perché è particolare da studiare, Monsieur, ha una bella forma…

K.  : - Cakya-Mouini diceva che chi ha capito che il dolore viene dall’attaccamento si ritira nella solitudine come il rinoceronte. Lo avete letto?

K.  : - No, ma ho letto Kālidāsa. E l’ho amato. Ho fatto una scultura intitolata Sakountala.

K.  : - Davvero? Anch’io ho letto quella storia.

K : - Sul serio?

K. : - Sì, ma mi annoiava. È un po’ troppo sdolcinata. Funziona solo per corteggiare le donne! E dunque siete un’artista? Brutta razza! Sono tutti commedianti…

K. : - Non è vero! State dicendo una sciocchezza!

K.  : - Oh, ne ho dette tante! Non parlavo di voi, in ogni caso. Come siete egocentrica! Insomma, anche voi volete fare come i rinoceronti, vi ritirate nella solitudine aspettando la vostra morte?

K.  : - Ma io sono già morta. E ho sempre vissuto in solitudine.

K.  : - Non mi sembrate un fantasma a dire il vero, siete molto bella. Comunque anch’io ho vissuto sempre in solitudine, come sant’Antonio.

K.: - Il monaco della Tebaide?

K.: - Sì, proprio lui.

K.  : - Avevo letto un libro, La tentazione di sant’Antonio. Lo leggevamo tutti ai miei tempi. Che prosa! Il dialogo della morte e della lussuria era il più bello di tutti, secondo me, ma anche quello della sfinge e della chimera. C’era una frase, non so se la ricordo…

K.  : - Cerco profumi nuovi, fiori più grandi, piaceri non ancora provati…

K.  : - Ecco, è questa, la conoscete anche voi?

K.  : - Piuttosto bene in effetti… Perché siete vissuta in solitudine?

K.  : - Non lo so, volevo solo scolpire. Ma sono finita molto male. In manicomio! E voi?

K.  : - Mi dispiace. Io… Non lo so, volevo solo scrivere. E sono finito in tribunale!

K.  : - Sempre meglio di un manicomio.

K.  : - Avete ragione, ma dopo mi sono isolato ancora di più.

K.  : - Che orso…

K.  : - Esatto, un orso bianco! E non ho mai avuto figli.

K.  : - Nemmeno io. Forse un figlio non mi avrebbe abbandonata come hanno fatto tutti.

K.  : - Ora non pensateci. Cantiamo, vi va?

K.  : - Non so cantare, non capisco nulla di musica. So solo ballare.

K.  : - Non è vero, prima cantavate frou froula donna con la gonna… vi ho ascoltato per un po’.

K.  : - Quella canzone non mi è mai piaciuta. È stupida. Ma mi mette allegria perché non ho mai portato i pantaloni, io, solo gonne.

K.  : - Le gonne volano, bisogna stare attenti, si alzano al vento.

K.  : - Meglio, scoprono le forme!

K.  : - Le vostre sono belle…

K.  : - Anche le mie idee! Anzi di più!

K.  : - Non le conosco ancora, ma mi pare proprio di sì. Se non volete cantare fischiamo, come gli uccelli?

K.  : - Non sono capace. E non ho le ali…

K.  : - Oh, sì che le avete. Per questo avete sofferto. La vita grava su quelli che hanno le ali. Più grandi sono le ali, più doloroso è dispiegarle. I canarini in gabbia saltellano gioiosamente ma le aquile hanno un’aria cupa perché spezzano le loro penne contro le sbarre.

K.  : - Ma io non sono né un’aquila né un canarino!

K.  : - Mademoiselle, siamo tutti, più o meno, aquile o canarini, cocorite o avvoltoi. La dimensione di un’anima può essere misurata dalla sua sofferenza, così come viene calcolata la profondità di un fiume dalla sua corrente.

K.  : - Come parlate bene! Allora la mia anima è vastissima, perché ho molto sofferto.

K.  : - Ma ora siete libera, finalmente. Niente più sbarre.

K.  : - È vero.

K.  : - Potete volare come gli uccelli… e voi siete un uccello raro.

K.  : - Rara avis! Me lo aveva detto qualcuno.

K.  : - Un adulatore…

K.  : - Come tutti gli uomini. Come voi!

K.  : - Non voglio adularvi, solo conoscervi.

K.  : - Ricordo un’altra canzonetta, aspettate, come fa?

K.  : - Chi l’ha scritta?

K.  : - Non lo so, uno scrittore, uno che viveva al freddo.

K.  : - Tutti gli scrittori vivono fra i ghiacci e le alture. Respirano un’aria forte…

K. :  - Anch’io ho vissuto per anni al gelo. In ogni caso, qualcuno gli deve aver raccontato la mia storia e lui ha scritto una cosa ispirata a me.

     K. : -  Ma allora siete famosa!

     K. : - Oh, no, non io, Monsieur, l’altro.

K. : - Quale altro?

K. : - L’altro, il protagonista della storia… Ma non ricordo più il suo nome.

K. : - Si vede che non era così importante. La memoria sceglie.

K. : -  È strano però, io ricordo tutto. Forse era solo una visione, non un ricordo.

K. : - Può darsi. Conosco bene le visioni, soprattutto le allucinazioni. Sono malattie della memoria. Ma poi passano, con un po’ di forza di volontà se ne vanno.

K. : - Dite? Speriamo, perché a volte mi perseguitano.

K. : - Capita spesso quando si sta troppo da soli. Ora siete con me, state tranquilla. E la canzone allora, la ricordate?

K. : - Sì, credo di sì… Sono libera, libera, libera, dalla lunga prigione fuggita… Basta non ricordo altro.

K. : - È bellissima, e più gaia della mia.

K. : - Anche voi avete composto una canzone?

K. : - Non io, il mio cieco…

K. : - Non capisco.

K. : - Non importa.

K. : - È famosa?

K. : - Non mi risulta. Siete più famosa voi, se avete fatto delle statue. Quelle restano, la carta si rovina e può bruciare…

K. : - Anche le statue bruciano, fidatevi! Che strano, anch’io conoscevo un cieco che cantava sempre. Lo osservavo a lungo. Mi faceva un po’ paura.

K. : - Paura, come mai?

K. : - Perché non poteva vedere. Io avevo molta paura di perdere la vista.

K. : - Io invece temevo sempre di perdere la voce… Avevo paura di rimanere tutta la vita come un muto che vuole parlare e schiuma di rabbia.

K. : - Ma non avete perso la voce, è forte e tonante, sembra quella di un attore!

K. : - Come mi sarebbe piaciuto fare l’attore! Comunque nemmeno voi avete perso la vista, e avete due occhi splendidi, mi ricordano quelli di un’altra donna, bella e un po’ malinconica proprio come voi. I suoi erano blu, o neri, non ricordo…

K. : - La conosco?

K. : - Non è possibile, esiste solo nella mia mente, è totalmente inventata.

K. : - Meglio, così vivrà per sempre!

K. : - Chissà… E le vostre opere, dove si trovano ora?

K. : - In un museo, anzi in vari musei…  Sapete che sta per aprire un museo tutto per me!

K. : - Dove?

K. : - A Nogent sur Seine !

K. : - La mia famiglia aveva una casa in quella località.

K. : - Anche la mia! Ci ho abitato per un po’.

K. : - È il posto adatto per ricevere una buona educazione sentimentale…

K: - Per voi è stato così?

K: - No, la mia è avvenuta a Parigi.

K: - Anche la mia! Che coincidenza!

K: - Non credo nelle coincidenze. In verità io non credo in niente.

K. : - Nemmeno io, tranne che nei sogni.

K. : - Quelli sì che sono preziosi, ma bisogna essere capaci di sognare.

K. : - Voi ce l’avete un museo tutto per voi, Monsieur?

K. : - Certo, a Rouen… In rue de Lecat.

K: - E cosa si trova lì dentro?

K: - Ci hanno messo i miei ritratti, hanno ricopiato le mie frasi sulle scale… Divertente. Ma in verità è pieno di cose di mio padre e dei suoi colleghi. Era un medico. Anch’io, come voi, ho vissuto in un ospedale, in mezzo a tutte le miserie umane. E in pieno colera, tra l’altro.

K: - Brutta razza i medici, sono tutti imbecilli, con rispetto per vostro padre…

K: - Avete ragione, sono imbecilli quanto i filosofi! E qual è l’indirizzo del vostro museo, Mademoiselle? Vorrei visitarlo.

K. : - Aspettate, lo sapevo… Ah sì, è nella via di uno scrittore molto famoso, lo scrittore di Madame Bovary! Il mio museo si troverà in rue Gustave Flaubert.

K. : - Enorme!!! Scusate, non vi ho nemmeno chiesto come vi chiamate, Mademoiselle…

K. : - Mi chiamo Kmille. E voi, Monsieur?

K. : - Karaphon.

 K. : - Monsieur Karaphon, voi che siete tanto colto forse sapete dirmi perché quello scrittore, Flaubert, ha scritto che le artiste non possono che essere delle sgualdrine?!

K. : - Non credo fosse il suo pensiero, cara Mademoiselle Kmille, ma quello dei borghesi. Non prendete tutto sul personale! E poi certamente non ha mai conosciuto un’artista come voi…

K. : - Di nuovo mi state adulando. Non avete mai visto le mie statue!

K. : - Non è vero, io so vedere e soprattutto immaginare.

K. : - Beh, anch’io ho scritto una cosa che non sarebbe piaciuta a Gustave Flaubert.

K. : - Ah sì? E quale, se posso permettermi?

 K. : - Ho scritto che amo i poeti che non fanno versi. Ma era una frase ironica, e non ho mai conosciuto un poeta come lui…

K. : - Magari un giorno vi incontrerete!

K. : - Chissà… Non è così importante e magari non sarebbe felice di sapere che il mio museo è in una strada che porta il suo nome.

K. : - Io credo di sì. Credo sia proprio la strada giusta…

K. : - Se lo dite voi mi fido. Sappiate che io ho sempre diffidato di tutti.

K. : - Comincerò a credere nelle coincidenze se continuate a parlare…

K. : - Allora cantiamo, adesso mi va.

K. : - Avrei un’altra proposta. Che ne dite di ballare?

K. : - Io e voi? Insieme?

K. : - Perché no? Ma dovete lasciate giù il vostro rinoceronte!

K. : - E voi il vostro pappagallo!

K. : - Ah certo, mi ero dimenticato di Loulou!

K. : - Che cosa balliamo?

K. : - Che ne dite… di un valzer?

Si avvicinano, lui le prende la mano, si inchina, e insieme iniziano a ballare a ritmo di valzer. Lui canticchia dolcemente: “sovente un bel sole d’estate, fa le ragazze innamorate… un forte vento quel giorno soffiò, e il gonnellino se ne volò”… La gonna di K. ondeggia. Anche lei canta: “sono libera, libera libera…”. Un pappagallo verde impagliato e un teschio di rinoceronte li guardano danzare.

 

Odilon Redon, La Mort, da La Tentation de saint Antoine, III serie, 1896

 

***

 

Su Camille Claudel:

https://www.raiplayradio.it/audio/2018/10/WIKIRADIO---Camille-Claudel--b6ccb50f-6952-449f-b46f-38de0073cdfb.html

 

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2017/07/03/la-donna-che-pago-il-talento-con-la-liberta/3702615/

 

http://www.womenews.net/2017/02/01/mademoiselle-camille-claudel-e-moi-il-libro-di-chiara-pasetti/

 

Per qualsiasi chiarimento in merito al dialogo riportato: lanuovasavona@gmail.com

 

Chiara Pasetti

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 24 ottobre
martedì 20 ottobre
sabato 17 ottobre
giovedì 08 ottobre
mercoledì 07 ottobre
sabato 03 ottobre
mercoledì 30 settembre
sabato 26 settembre
venerdì 25 settembre
mercoledì 23 settembre