Contromano13 febbraio 2021 07:42

Speranza una ciølla

I ristoratori liguri hanno saputo al venerdì sera, ancora una volta, che a partire da domenica dovranno abbassare le serrande. Domenica però è San Valentino, e tante coppie di congiunti (in senso addirittura biblico) avevano prenotato il loro pranzo fuori: uno sprazzo di speranza per un settore tra i più colpiti dalla crisi scatenata dall’epidemia

Speranza una ciølla

Speranza subito innaffiata dall’omonimo ministro (riconfermato) con una doccia fredda, freddissima: il monitoraggio dell’onnipresente Istituto Superiore di Sanità ha decretato che nella nostra regione il rischio sta risalendo al livello di guardia, quindi si torna in zona arancione.

Toti dal canto suo si fa bello con gli elettori ululando che aveva chiesto di salvare almeno il pranzo di domenica ma non è stato ascoltato.

E secondo noi stavolta avrebbero dovuto ascoltarlo: però non dimentichiamo che il nostro presidente aveva il potere di prendere misure per il Ponente ligure, che è la zona più colpita e quella che ci ha condotto in zona arancione, e non lo ha fatto.

Come aveva la possibilità - e il dovere - di stringere su Genova quando in autunno i contagi salivano vertiginosamente, ma non l’ha fatto: prima per le elezioni, poi per il salone nautico.

Insomma ce n’è per l’asino e per chi lo mena.

Passata con un po’ di delusione e un gran mal di testa la sbornia del totoministri, Draghi avrà molto da fare non solo per convincere l’Europa che non siamo un Paese di irredimibili beline, ma per tentar di rimettere assieme una situazione sociale che sta per esplodere: crisi economica, diseguaglianze talmente profonde da esser diventate esclusione sociale sono solo alcuni tra i guai che il nuovo governo dovrà affrontare.

E nessun curriculum d’oro eviterà l’implosione se non si partirà dal rispetto: per chi lavora, per chi non lavora più, per chi vorrebbe solo lavorare e potersi organizzare.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

martedì 02 marzo
domenica 28 febbraio
giovedì 25 febbraio
martedì 23 febbraio
domenica 21 febbraio
sabato 06 febbraio
Gradinata Draghi
(h. 08:57)
venerdì 05 febbraio
giovedì 04 febbraio
Lascia o raddoppia?
(h. 18:13)
martedì 02 febbraio