Cose belle30 dicembre 2021 11:51

Il capo perfetto

Al Nuovofilmstudio la commedia caustica di Fernando León de Aranoa, candidata spagnola per gli Oscar 2022, con un incredibile Javier Bardem nelle vesti di un imprenditore abile, affascinante ma soprattutto manipolatore

Il capo perfetto

Per chi dovesse ancora rinnovare la tessera, il momento migliore per raggiungere la sala è all'apertura, favorendo gli ingressi e riducendo le code. 

Potete acquistare i biglietti in sala prima degli spettacoli oppure in prevendita su https://www.liveticket.it/<wbr></wbr>nuovofilmstudio .

Il capo perfetto

 

(El buen patrón)
di Fernando León de Aranoa
con Javier Bardem, Manolo Solo, Almudena Amor
Spagna 2021, 115'

 

gio 30 dic (15.30 - 18.00 - 21.00)
ven 31 dic (15.30 - 18.00)
sab 1 gen (15.30 - 18.00 - 21.00)
dom 2 gen (15.30 - 18.00 - 21.00)
lun 3 gen (15.30 - 18.00 - 21.00)
mar 4 gen (15.30 - 18.00 - 21.00)
mer 5 gen (15.30 - 18.00 - 21.00)

 

Blanco, proprietario di una storica azienda spagnola di bilance industriali, amato e stimato dai dipendenti per la sua grande umanità, è in gara con la sua impresa per un premio di eccellenza locale. Considerato da tutti e da se stesso un capo magnanimo, è disposto a qualunque cosa pur risolvere i problemi dei suoi dipendenti affinché non riducano la produttività e gli consentano di aggiudicarsi l'ambito riconoscimento. E mentre la tensione sale per la visita di ispezione della commissione del premio, Blanco inizia a collezionare una serie di errori e comici disastri che lo porteranno a dover dimostrare di essere davvero un capo perfetto...

 

«Abile, affascinante e manipolatore, “Il capo perfetto” è l’uomo con il dito sulla bilancia, il burattinaio che tira i fili di tutti i personaggi e della rappresentazione. La sua azienda produce bilance industriali ma il vecchio modello a due piatti esposto all’ingresso principale della fabbrica è in cattive condizioni. Blanco è un personaggio carismatico, un giocatore avvantaggiato rispetto agli altri, che si intromette senza vergogna nella vita personale dei suoi dipendenti per migliorare la produttività dell’azienda, superando ogni limite etico, senza remore. Un personaggio al quale ci possiamo sentire vicini nonostante la sua natura priva di scrupoli. Forse un ritratto di chi siamo o temiamo di diventare. Blanco è perfettamente calato in questo racconto tragicomico di un ecosistema del mondo del lavoro logorato, senza eroi né cattivi, lontano da qualsiasi manicheismo. Una commedia pungente, grigio-scura, quasi nera. Uno sguardo caustico su rapporti personali e professionali all’interno di un’azienda a conduzione familiare che impiega alcune centinaia di lavoratori. Credo che sia possibile realizzare un cinema complesso ed artisticamente ambizioso, un cinema che lasci il segno di chi siamo, del momento storico in cui viviamo e che al contempo ci diverta, stuzzichi la nostra curiosità e ci commuova e lo faccia utilizzando l’umorismo, a volte magari anche a cuor leggero, con una certa durezza ma senza rinunciare all’impegno, alla verità o alla poesia. Il cinema che esamina le radici stesse di chi e cosa siamo alla ricerca dell’ipotesi di cosa diventeremo un giorno. Il cinema con una finestra aperta sull’esterno, che affronti quello che succede fuori, per le strade del paese in cui viviamo, nelle nostre case, nella nostra camera da letto, nel nostro luogo di lavoro. Gelosia, abuso, tradimento, potere, vassallaggio, rivalità, vendetta, ambizione, sesso e perfino morte, tutti grandi temi della tragedia classica, entrano nella intricata tela di interessi, meschinità ed ambizione di una società produttrice di bilance che potrebbe trovarsi in qualsiasi città di provincia, ovunque. Questa è la sua storia».

(Fernando León de Aranoa)

 

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

mercoledì 03 agosto
lunedì 01 agosto
Sottovetro
(h. 17:42)
sabato 16 luglio
martedì 05 luglio
Movimento e colori
(h. 15:43)
lunedì 20 giugno
Chiara Pasetti
(h. 12:25)
venerdì 03 giugno
martedì 31 maggio
mercoledì 25 maggio