Mezza politicamercoledì 08 agosto 2018 17:19

Defenestrazioni sommarie: Barbara Marozzi risponde

È sicuramente più facile cercare capri espiatori per ripulirsi la coscienza da una situazione imbarazzante e disastrosa piuttosto che usare la testa e porsi il problema di risolvere le reali criticità. Savona non è una passerella, gli amministratori devono dare risposte concrete, non chiacchiere!

Cacciata per questioni personali, troppo fedele alla cittadinanza, alla Regione e al mio partito.

Credo che il sindaco debba giudicare guardando le reali priorità di una città e dei suoi abitanti . 

Del suo grave errore di valutazione e delle sue menzogne credo che tutti possano esserne testimoni viste le tante  dichiarazioni che sono arrivate in queste settimane in mio favore sia dal punto di vista politico che amministrativo non solo da parte di cittadini e realtà associazionistiche, ma anche da parte di molte forze politiche non solo di spicco provinciale e regionale, ma anche nazionale. 

Forse il sindaco prima di parlare, viste anche le innumerevoli figuracce, dovrebbe farsi un giro in città, leggere i quotidiani e guardarsi intorno, ascoltare i consigli oltre che dei cittadini anche delle forze politiche che tanto lei detesta ma che hanno contribuito con incisività alla sua elezione. 

Amministrare una città non è cosa da poco e le questioni personali dovrebbero rimanere fuori . 

I cittadini come ho già detto chiedono risposte sulle problematiche reali, abbiamo le partecipate sull’orlo del fallimento, una città stracolma di rifiuti dove il degrado urbano sfiora i massimi storici , opere pubbliche ferme da anni, un sociale ridotto ai minimi termini.

Sono finiti i tempi dove ci si nasconde dietro ad un bilancio insufficiente e dietro a semplici scuse. 

Sono parole che ho sempre detto, forse è anche questo il problema, avere una testa pensante e autonoma .

Invece qui si continuano a fare ridicoli giochini di poltrone e scelte sbagliate ed infelici . 

Il fatto di continuare a dire che io ero esponente di una lista civica è molto grave, mi sono candidata e sono stata eletta in Vince Savona, una lista composta dai 3 partiti della coalizione, già in quota FI, l’unica cosa che è cambiata è l’assunzione del ruolo di coordinatore provinciale.

Prendo atto che l’appartenere a questo partito, nella giunta Caprioglio, sia comunque particolarmente discriminante e credo che tale partito debba fare e farà le sue considerazioni. 

È sicuramente più facile cercare capri espiatori per ripulirsi la coscienza da una situazione imbarazzante e disastrosa piuttosto che usare la testa e porsi il problema di risolvere le reali criticità .

Savona non è una passerella, gli amministratori devono dare risposte concrete, non chiacchiere! 

Il fatto che non mi abbia mai dato una spiegazione oggettiva del suo rancore nei miei confronti è sufficiente ad avvallare tale teoria. 

Lunedì mi ha solo chiamato per farmi firmare le dimissioni non per parlare.

Non c’è mai stato dialogo da parte sua neanche quando l’ho richiesto più volte in questi anni. 

Non mi ha mai ricevuta nel suo ufficio con innumerevoli scuse e ho sempre lavorato da sola.

Se non ascoltava un suo assessore immagino quanto ascolti i cittadini.  

Ringrazio in ogni caso tutte le persone che ancora oggi mi fanno sentire il loro sostegno e questo, avere ancora la stima delle persone nonostante i suoi sterili pretesti diffamatori, appaga più di ogni altra cosa. 

Continuerò a lavorare per la mia città e per i giovani, anche da fuori. Chiunque sperava con la mia fuoriuscita di mettere in un angolo il mondo giovanile e imbavagliarlo, beh , si sbaglia! 

Intimo in ogni caso al Sindaco a smetterla di continuare a dare spiegazioni poco veritiere. 

Ha voluto fare questo rimpasto? 

Bene, che se lo tenga e se ne assuma le responsabilità, ma che termini qui il suo infangare il mio nome inutilmente altrimenti potrebbe davvero sembrare che lei avesse (o abbia ancora?) una vera e propria ossessione nei miei confronti...

Barbara Marozzi