Sciûsciâ e sciorbî02 ottobre 2019 12:35

Ma dove Vado?

Avete mai giocato a Sim City? Monica Giuliano e Roberto Arboscello no. Altrimenti pure loro saprebbero che per costruire una città o un distretto industriale si comincia dalle strade, dai binari, dalle gallerie (di Bruno Lugaro)

Ma dove Vado?

Essendo poi sindaci, dovrebbero conoscere almeno le regole minime da seguire per non creare mostruosità urbanistiche.

Vado sarà cancellata come paese vivibile, a causa dell'impatto della piattaforma cinese.

Bergeggi stessa ne teme le ripercussioni.

Lo sapevano tutti, tranne Giuliano e Arboscello che, incidentalmente, sono i sindaci e come tali dovrebbero tutelare gli interessi della propria comunità.

L'Autorità Portuale ha un unico obiettivo da raggiungere: attivare al più presto i maxi traffici di container.

Le strade verranno: una del resto c'è e chissenefrega se passeranno sotto il naso dei vadesi migliaia di tir alla settimana.

A controbilanciare gli interessi dell'Autorità portuale avrebbero dovuto provvedere i sindaci, imponendo come prioritaria la realizzazione delle infrastrutture, comprese quelle ferroviarie.

Invece i nostri due eroi hanno preferito che a dettare i tempi fosse l'Autorità Portuale.

Hanno in sostanza abdicato al loro ruolo.

Ed è grottesco che oggi Giuliano invochi l'intervento di un commissario.

Ma lei dov'era quando due anni fa era già palese il clamoroso ritardo nella costruzione dei collegamenti stradali e ferroviari?

E Arboscello che mestiere faceva?

Si dirà che hanno chiuso un occhio per favorire una realizzazione rapida delle opere portuali e quindi il via alle assunzioni promesse.

Ma attenzione ai ricatti occupazionali, il caso Tirreno Power insegna.

Bruno Lugaro

Ti potrebbero interessare anche: