Mezza politica27 febbraio 2021 07:54

Gli attesi mediocri

Il Partito Democratico resta sostanzialmente fuori da sanità e transizione ecologica - i due grandi temi del nuovo governo - mentre il suo traballante segretario sceglie di solidarizzare con Barbara D’Urso nel giorno in cui le aziende di delivery hanno saputo di essere costrette ad assumere 60mila rider, e 60mila rider hanno saputo di non essere schiavi ma lavoratori

Gli attesi mediocri

Nel frattempo Draghi si contorna (e soprattutto contorna i suoi ministri) di gente che avremmo preferito non sentir nominare mai più, provocando lazzi a catena sull’ingloriosa fine del governo “dei migliori”.

Non ci preoccuperemmo troppo, in ogni caso, della scarsa qualità di Sottosegretari e Ministri, tanto a questo giro nessuno toccherà palla.

Il problema serio, piuttosto, è per i governi del futuro ed è integralmente in capo ai partiti, che dovranno tirar fuori la testa dalla sabbia ammettendo, innanzitutto, che Draghi non è andato allo zoo a scegliere la squadra di governo ma in Parlamento, e ha pescato tra le personalità che i partiti stessi hanno candidato. 

Urge una classe dirigente decente, che non si trova sotto gli alberi ma va formata e seguita. Quindi anziché sbraitare contro Draghi, i partiti di destra e di sinistra dovrebbero mettersi d’impegno per costruirla.

Perché Draghi può rimuovere Borrelli - che di grande ha solo il cognome - e ridimensionare Arcuri, e son già azioni meritorie di qualche monumento. 

Ma neppure Supermario può iniettare la necessaria cultura politica in un gregge di parlamentari come quello che ci è toccato.

Sarà già tanto se riuscirà a iniettare il vaccino, a loro e soprattutto a noi.

G.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 17 aprile
martedì 30 marzo
lunedì 29 marzo
Mucchio selvaggio
(h. 17:39)
Lotte e intestini
(h. 08:15)
giovedì 04 marzo
Mai più senza
(h. 15:10)
mercoledì 10 febbraio
mercoledì 03 febbraio
Giganti e nani
(h. 08:43)
martedì 02 febbraio
giovedì 28 gennaio