Salute & Veleni30 maggio 2022 11:57

Non tutto il mare è perduto

Domani alle 18 alla Ubik l'incontro con Giuseppe Ungherese, Responsabile della Campagna inquinamento di Greenpeace

Non tutto il mare è perduto

Capraia, fiume Sarno, Stretto di Messina, il Santuario Pelagos, poi Cerboli, isole Tremiti, Conero, Brindisi, ma anche la Liguria.

Dal 2017 Greenpeace ha condotto meticolose campagne di monitoraggio nei nostri mari.

Giuseppe Ungherese, Responsabile della Campagna inquinamento di Greenpeace, muove da queste esperienze per redigere un'inchiesta sui danni causati dall'uomo alla grande distesa blu, a partire dalle ormai onnipresenti microplastiche.

La situazione è grave, ma potrebbe anche essere reversibile: dipende da noi, dalle nostre scelte come consumatori e da un modello di sviluppo industriale che, malgrado abbia palesato i suoi limiti, aziende e governi faticano a cambiare.

Martedì 31 maggio ore 18 Libreria Ubik:

incontro con

GIUSEPPE UNGHERESE

Responsabile Nazionale della Campagna inquinamento di Greenpeace Italia

e presentazione del libro

"Non tutto il mare è perduto"

Viaggio lungo le coste italiane alla scoperta di un ecosistema soffocato da plastiche e microplastiche

(Casti Editore)

Introduce ANDREA SBARBARO

Presidente di Cittadini Sostenibili APS

A cura dell'associazione Cittadini Sostenibili APS impegnata nella promozione di comportamenti e scelte sostenibili.

 

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

lunedì 16 gennaio
mercoledì 21 dicembre
Carbone + 47%
(h. 15:17)
mercoledì 07 dicembre
mercoledì 16 novembre