Contromano19 marzo 2020 11:44

Il problemone delle corsette

Iniziamo col dire che noi non corriamo. O meglio, corriamo a comprare cibo e farmaci per noi e per chi ce lo chiede, e poi corriamo indietro, fino a casa. E questa è l’unica corsa che facciamo, non da oggi

Il problemone delle corsette

Quindi personalmente poco c’importa se chiudono i parchi, ché a Savona un parco manco l’abbiamo, o se tolgono la possibilità ai runner fosforescenti di farsi la corsa quotidiana.

Ci chiediamo però se siano davvero le corse solitarie a favorire questo maledetto contagio, e non le fabbriche che restano aperte - anche quelle che producono beni non di prima necessità, e che pure non possono chiudere se non per decreto, salvo pagare penali che le manderebbero sul lastrico.

Restano aperte e i lavoratori devono raggiungere le loro postazioni, spesso su mezzi pubblici strapieni in quanto ridotti.

Ci chiediamo se abbia un senso ridurre gli orari dei piccoli supermercati e negozi di quartiere, come si sta pensando di fare, perché nelle poche ore di apertura si creerebbe inevitabilmente la calca.

Stiamo guardando anche noi, come tutta Italia, le tragiche immagini dei mezzi militari che da Bergamo portano le bare fuori dalle città di quella Lombardia che “non si poteva fermare”, e in particolare di quella parte di Lombardia che incredibilmente non è stata chiusa come il Lodigiano e la zona di Codogno.

E queste domande non possiamo non porcele.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

venerdì 27 marzo
giovedì 26 marzo
Essere consapevoli
(h. 11:37)
lunedì 23 marzo
domenica 15 marzo
De coccio
(h. 09:07)
sabato 14 marzo
#EroiUnaMinchia
(h. 08:44)
venerdì 13 marzo
giovedì 12 marzo
martedì 10 marzo
martedì 03 marzo
sabato 29 febbraio