Contromano30 luglio 2020 18:19

Governo: ma i verbali no

Una settimana fa titolavamo “Covid, via il segreto di Stato dai verbali del Comitato tecnico scientifico”. Il TAR del Lazio, accogliendo un ricorso, aveva stabilito che quei verbali - che sono l’incubatore giuridico dei DPCM che ci hanno chiusi in casa per mesi - andavano resi pubblici. Ma il Governo non vuole e fa ricorso al Consiglio di Stato. Perché?

Governo: ma i verbali no

Leggiamo su Repubblica: “Scrive l’avvocatura dello Stato: “I dpcm, oggetto dell’odierno contenzioso sono atti amministrativi generali, frutto di attività ampiamente discrezionale ed espressione di scelte politiche da parte del Governo che trovano la propria fonte giuridica nella delega espressamente conferita dal legislatore all’esecutivo in un atto avente forza di legge, ovvero, in particolare dapprima nell’articolo 3 del decreto legge 6/2020, convertito con Legge numero 13/2020 e, poi, nell’articolo 2 del decreto legge 19/2020, convertito con legge  35/2020, e rinvengono la propria ragione nell’esigenza temporanea ed urgente di contenere e superare l’emergenza epidemiologica causata dal Covid-19”.”

“Per questo - chiosa il giornale - i verbali dovrebbero restare segreti.”

 Il nesso non lo capiamo davvero. 

Siccome i DPCM che hanno limitato alquanto (lo ricordiamo) le libertà costituzionali sono “frutto di attività ampiamente discrezionale” vale la regola del marchese del Grillo?

Non ci piaceva esser presi in giro da Salvini, non ci piace esser presi in giro da Conte.

Rendano pubblici quei verbali, e solo così potremo esercitare quello che è un nostro diritto di cittadini: dare un giudizio politico sulle scelte di chi ci governa.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

lunedì 19 ottobre
sabato 17 ottobre
Pezzi di Toti
(h. 09:55)
domenica 04 ottobre
venerdì 02 ottobre
lunedì 28 settembre
mercoledì 23 settembre
domenica 13 settembre
giovedì 10 settembre
Scappiamo con Toti
(h. 16:07)
venerdì 28 agosto
giovedì 20 agosto