Contromano19 agosto 2020 12:16

Ma la vasca no

Prima della fine del lunghissimo mandato Caprioglio, dovremmo vederne ancora almeno una: l’acclamato “restyling” del Prolungamento. Già ci tremano i polsi

Ma la vasca no

Manco il tempo di tagliare le palme morte dell’era Berruti, e già possiamo gioire per il pergolato e la fontana con gli zampilli da terra, ché per quelli dal cielo non è arrivato in tempo il progetto. 

A noi sarebbe bastata la risistemazione della fontana a vasca che compare nelle cartoline di quando Savona era ancora una città decente: ma l’indispensabile IRE - così apprezzata dalla Corte dei Conti - evidentemente crede che Savona sia Versailles. 

Quindi la vecchia fontana resterà lì a marc-ire, mentre col secondo lotto di fondi europei - peraltro ancora da finanziare - verrà predisposta la realizzazione di una fontana a raso con tanto di zampilli: “17 ugelli in acciaio inox, ci dice il Decimonono, posizionati a filo pavimento con luci led integrate per effetti cromatici.”

Mica caccole.

Poi verrà abbattuto il bagno pubblico, che tanto non serve a niente dal momento che a Savona i bagni pubblici son tutti chiusi da anni, sostituiti nelle sere estive da marciapiedi e portoni. 

La pietra che delimita le aiuole verrà sostituita da acciaio, come le panchine (legno e acciaio) le fontanelle, i cestini per i rifiuti: anche loro tutti d’acciaio. 

Posto che il Comune deve essersi assicurato una fornitura d’acciaio mai vista neppure quando Savona era la patria dell’industria pesante, speriamo che almeno poi mandi anche qualcuno a svuotarli, i cestini d’acciaio.

Possibilmente non una cooperativa privata che ci succhia 200mila euro oltre al costo di ATA.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

domenica 13 settembre
giovedì 10 settembre
Scappiamo con Toti
(h. 16:07)
venerdì 28 agosto
giovedì 20 agosto
martedì 18 agosto
giovedì 13 agosto
lunedì 10 agosto
sabato 01 agosto
giovedì 30 luglio
mercoledì 29 luglio