Salute & Veleni25 agosto 2022 22:35

Nucleare tra pace e guerra

Il clima, la Terra, la giustizia sociale

Nucleare tra pace e guerra

La Sala Rossa del Comune di Savona ha ospitato oggi una conferenza di Mario Agostinelli, già segretario regionale di CGIL Lombardia e presidente  dell'Associazione "Laudato sì”.

L’associazione nasce da una riflessione sull’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco e da una lettera-appello firmata da numerosi intellettuali e attivisti impegnati sui temi che costituiscono i cardini dell’ecologia integrale: giustizia climatica, ambientale e sociale, lotta alle povertà e alle disuguaglianze, accoglienza, femminismo, pacifismo, antispecismo, diritti del lavoro, della natura, dei popoli nativi.

Il dibattito, presieduto dall'assessore Gabriella Branca e introdotto dal politologo Franco Astengo, è stato promosso dal gruppo "Partigiani per la Pace” e ha riportato l’attenzione sul pericolo rappresentato dalla perdurante guerra in Ucraina, sulle diseguaglianze, sul Pianeta che per poter continuare ad ospitare la vita necessita di decisioni drastiche “che evidentemente non sono la flat tax” - ironizza amaro Agostinelli.

Sedicimila bombe atomiche sparse per il pianeta, di cui duemila in allerta ogni giorno, attivabili in brevissimo tempo, sono un rischio di cui si parla troppo poco.

La maggior parte di questi ordigni sono in media trenta volte più potenti della bomba che a Hiroshima uccise in un secondo centomila esseri viventi: Agostinelli, per rilevare il punto di arroganza - e di incoscienza - al quale è giunto il genere umano nella sua convinzione di poter controllare gli eventi naturali, ha ricordato come dopo il disastro di Chernobyl si pensasse di chiudere le frontiere, come se la nube dovesse mostrare il passaporto per migrare.

Nello stesso modo ha osservato come il disastro della Marmolada (il 3 luglio scorso una valanga di neve, ghiaccio e roccia provocata dal distacco dalla calotta sommitale del ghiacciaio uccise 11 persone) sia stato velocemente derubricato a semplice, drammatico “episodio”.

Come se per l’ambiente non ci fosse tempo, mentre è l’ambiente che non ha più tempo per noi e ce lo dimostra ogni giorno con l’innalzamento dei mari, con eventi climatici sempre più estremi ai quali non si è apparentemente in grado di far fronte.

Perché - si chiede Agostinelli - gran parte delle nostre risorse e del nostro lavoro finiscono in oggetti che uccidono e distruggono indelebilmente la natura?

Perché l’un per cento della popolazione mondiale detiene una ricchezza pari a quella del restante 99 per cento?

E quanto può reggere il mondo in questa situazione di diseguaglianze sempre più ampie, con intere popolazioni costrette a spostarsi semplicemente perché le zone dove vivono non sono più abitabili?

Da quando 120 scienziati, tra cui 40 premi Nobel, hanno fondato il Doomsday clock, le lancette dell’orologio del giorno del giudizio sono state spostate più volte avanti e indietro, e adesso la mezzanotte è molto vicina.

G.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

mercoledì 28 settembre
martedì 20 settembre
martedì 19 luglio
domenica 19 giugno
Giudizio Universale
(h. 16:45)
mercoledì 08 giugno