Contromano24 luglio 2019 08:58

Cantone se ne va: avanti le mafie

Tra Russiagate, Bibbiano e il mitico “mandato zero”, rischia di sfuggire un fatto grave: un uomo delle Istituzioni che lascia il suo incarico all’Anticorruzione dichiarando alla Stampa di aver avuto la sensazione di essere «tollerato ma poco utile»

Cantone se ne va: avanti le mafie

 

"Svogliatamente ascoltato - se non sgarbatamente ignorato - su leggi in materia di appalti e corruzione, sebbene grazie a uno dei suoi pochi suggerimenti accolti si sia allontanata la camorra dai lavori del ponte Morandi": così Giuseppe Salvaggiulo riassume sul quotidiano torinese l’ultimo anno del dimissionario presidente dell’ANAC Raffaele Cantone.

Che nell’intervista lascia intendere, neppur troppo sommessamente, di voler tornare in magistratura perché almeno lì potrà fare il suo lavoro. 

Cosa che all’ANAC evidentemente non era più possibile, per quel “diverso approccio culturale” - scrive Cantone con soave parafrasi - che considera l’Anticorruzione, e non la corruzione, il problema dell’Italia.

D’altra parte ieri chiunque abbia tenuto accesa la TV anche solo per dieci minuti ha sentito per forza qualche esternazione giubilante sul magistrato, reo di aver bloccato i cantieri di tutta Italia e ora finalmente sconfitto e dimissionario.

Ma lui non voleva bloccare i cantieri.

Voleva bloccare la mafia.

E questo si sa, da noi non è mai troppo apprezzato.

LNS

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

venerdì 23 agosto
giovedì 22 agosto
lunedì 19 agosto
sabato 17 agosto
sabato 10 agosto
giovedì 08 agosto
Abbattetelo
(h. 07:41)
domenica 04 agosto
sabato 03 agosto
venerdì 02 agosto
giovedì 01 agosto