Inchieste01 ottobre 2019 17:34

Antimafia in porto a Savona: tutto in regola con gli appalti? (Pare di no)

Certo, chiunque potrebbe dire chissenefrega, ma le white list antimafia esistono, sono pubbliche e sarebbe carino che anche S.M. l’Autorità Portuale le consultasse prima di affidar lavori per decine di milioni di euro. Nostri.

Antimafia in porto a Savona: tutto in regola con gli appalti? (Pare di no)

Dopo l’accesso della DIA (Direzione Investigativa Antimafia) presso il cantiere fracassone del Porto di Savona, ci attacchiamo a telefono e mail per saperne di più sull’ispezione, ma da parte degli inquirenti - al momento - bocche cucite e nessun comunicato stampa.

Proviamo allora con l’Autorità Portuale a mezzo posta elettronica. Con l’ufficio stampa - che per etica dovrebbe agevolare i colleghi giornalisti ad ottenere le informazioni -  nasce un dialogo un po’ surreale - ve lo risparmiamo - che origina da quattro nostre semplici domande. Queste:

Oggi vi è stato un accesso della Direzione Investigativa Antimafia - DIA - nel cantiere Fincosit del Porto di Savona:

- ne siete al corrente?

- conoscete le ragioni dell’accesso?

- potreste fornirci l’elenco dei subappalti?

- cosa avete da dichiarare?

Nell’attesa di un cortese riscontro,
porgiamo un saluto cordiale

La Nuova Savona
Quotidiano Indipendente


La “risposta” arriva alle 12:54 di oggi, ed è praticamente la copia - testo del cartello d’appalto di cantiere:

     Stazione Appaltante: Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale;
·         Lavori: Approfondimento banchine 8-9-10 nel bacino di Savona per adeguamento crocieristico;
·         Responsabile del Procedimento: Ing. Paola Roascio;

(...)


·         Importo complessivo a base di gara: 18.527.392,53 Euro;
·         Importo netto lavori: 17.651.974,53 Euro;
·         Oneri per la sicurezza: 875.418,00 Euro;
·         Ribasso d'asta: 21,81%;
·         Importo del contratto: 15.361.986,22 Euro


Finalmente conosciamo nel dettaglio quanto cacciamo per accogliere la nuova nave a gas di Costa direttamente ai piedi della Torretta. Perché sfruttare gli “Alti Fondali” che già ci sono pareva brutto e fastidioso.

Ma continuiamo col cartello (...)

·         Impresa appaltatrice: A.T.I. RCM Costruzioni S.r.l. (Mandataria 51%) con sede in via Pioppazze 81, 84087 Sarno (SA) - FINCOSIT S.r.l. (Mandante 49%) con sede  via Fieschi 6/13, 16121 Genova (GE)

Bene, anzi tutt’altro.

Mentre conosciamo ciò che resta di Grandi Lavori FINCOSIT dopo la costruzione dell’ecomostro Maersk e del MOSE di Venezia, non abbiamo mai avuto il piacere di incrociare la capofila dei lavori del nostro scalo crociere: tale RCM costruzioni Srl con sede a Sarno (Salerno).

E voi direte: visto che lavora con un soggetto pubblico come l’Autorità Portuale sarà certamente iscritta alla white list antimafia della Prefettura di competenza...

Pare proprio di no.

A quanto ci consta e ci costa (attendiamo smentite) la pratica per l’iscrizione della RCM Srl è ferma da 4 anni 4 in attesa di aggiornamento all’UTG Salernitano.

Schermata:


In aggiornamento? Ma come? Con tutte le aziende che ci sono, una stazione appaltante pubblica come la AP non poteva scegliere un’azienda dichiarata immacolata dallo Stato?

Ma d’altronde già oggi i controlli della Direzione - Investigativa - Antimafia sono già stati derubricati come “un’ispezione di routine”, come fossero da controllare caschetti o scarpe antinfortunistiche.

La risposta / cartello d’appalto termina con una data emblematica: quella di ieri. Già, perché i lavori per la Signora Smeralda avrebbero dovuto esser già conclusi da 24 ore!

Data consegna lavori: 05/02/2019;
Data fine lavori prevista: 30/09/2019;

Cordialità

La “risposta” finisce così.
Noi anche.




LNS

Ti potrebbero interessare anche: