Contromano20 agosto 2020 08:48

L’importanza di chiamarsi Lella

Viviamo in una Regione abitata prevalentemente da anziani dove la sanità è al collasso, ma evidentemente se ne stanno accorgendo solo in Valbormida dove puoi sentirti male esclusivamente in orario diurno perché alle 20 si chiude

L’importanza di chiamarsi Lella

Da Savona a Genova ci posson volere anche due o tre ore di cosiddetta “autostrada”. 

I giovani scappano perché il lavoro è morto insieme al futuro.

Su Facebook da una dozzina di ore si discetta di Raffaella Paita.

La deputata di Italia Viva ha dichiarato di aver querelato Enrique Balbontin che le avrebbe dato della “bagascia”. Chiunque abbia visto gli spettacoli di Balbontin sa che “la Lella” è un suo personaggio, e questo nulla ha a che fare con la disgraziata coincidenza che Lella sia anche il diminutivo usato dalla signora Paita. 

Non dovrebbe neppure essere il caso di dirlo, ma siccome qui si deve camminar sempre sulle uova lo ricordiamo.

Balbontin però adesso si è stufato - comprensibilmente - di fare da capro espiatorio e denuncerà Raffaella Paita per diffamazione e calunnia.

Infatti è la seconda volta in pochi giorni che il tandem Paita / Massardo prova e purtroppo riesce ad utilizzare la comicità di Balbontin come appiglio per attaccare la coalizione di Sansa e soprattutto come trampolino per far parlare di sé. 

E a quanto pare siam tutti pronti a cadere nella rete come tonni, noi compresi.

Nel frattempo a De Ferrari se la ridono, ma questo sembra non importare più molto a nessuno.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

domenica 13 settembre
giovedì 10 settembre
Scappiamo con Toti
(h. 16:07)
venerdì 28 agosto
mercoledì 19 agosto
Ma la vasca no
(h. 12:16)
martedì 18 agosto
giovedì 13 agosto
lunedì 10 agosto
sabato 01 agosto
giovedì 30 luglio
mercoledì 29 luglio