Mezza politica12 gennaio 2021 15:04

Pagati per bigiare

Toti assente al Consiglio regionale, Garibaldi (PD): "Toti non è venuto in aula perché ha preferito fare un giro delle Asl liguri, cosa che avrebbe potuto benissimo programmare in un altro giorno o in un altro orario". I Cinquestelle: "Toti non ha tempo di occuparsi della Sanità, inaccettabile continuare a sprecare soldi pubblici per Consigli regionali a scartamento ridotto"

Pagati per bigiare

"Il Presidente Toti nega l’evidenza: l’assenza di oggi - comunicata, peraltro, alla 10 di mattina, quando la seduta sarebbe dovuta iniziare - non è motivata da impegni urgenti con il Governo in materia di pandemia" scrive il capogruppo PD Luca Garibaldi.

"Toti non è venuto in aula perché ha preferito fare un giro delle Asl liguri, cosa che avrebbe potuto benissimo programmare in un altro giorno o in un altro orario, visto che il Consiglio regionale si tiene, in media, una volta alla settimana e quasi sempre di martedì, e la seduta era stata concordata proprio sulla base degli impegni della Giunta.

Un’altra falsità è sostenere, come ha fatto Toti in un comunicato piccato, di aver fornito una risposta scritta alle interrogazioni. Non è vero.

La maggior parte delle Iri a cui avrebbe dovuto rispondere sono state rinviate.

A noi sembra che Toti scelga scientificamente di bigiare il Consiglio regionale, svilendo quest’importante istituzione e mancando di rispetto non solo all’aula, ma anche ai cittadini. Il compito di un assessore alla Sanità non è solo leggere delle risposte in aula scritte dai tecnici, ma fornire una motivazione politica del proprio operato, replicare e ascoltare le proposte.

In un momento delicato come questo l’assenza e la risposta di Toti hanno il sapore della provocazione e suonano ancora più sgradevoli.

Oggi avremmo voluto parlare di vari temi sanitari, come i vaccini e la medicina generale. Ma non siamo stati messi in condizioni di farlo. La politica non si può ridurre a un comunicato stampa."

Critiche anche dal Movimento 5 Stelle: “Il copione si ripete: il presidente di Regione e assessore alla Sanità ha chiesto anche per oggi congedo e dunque non sarà presente in Consiglio regionale nonostante le numerose interrogazioni che ne chiamano in causa le competenze.

La più importante delle quali è certamente la Sanità, mai come ora centrale tra emergenze, vertenze e criticità territoriali.

Quanto sta accadendo l’avevamo ampiamente previsto a inizio legislatura: Toti non ha tempo di occuparsi della Sanità ligure a 360°, come ha peraltro dimostrato anche ieri non presentandosi in II Commissione, dove era atteso per audire gli Oss di Spezia e i loro sindacati.

Le questioni che chiamano in causa la salute pubblica sono numerose, vanno affrontate con puntualità e non a colpi di congedi. All'attuale vergognosa situazione va trovata una soluzione e per questo abbiamo proposto di convocare un ufficio di presidenza integrato.

Non è accettabile che si continuino a sprecare soldi pubblici per Consigli regionali a scartamento ridotto: di questo passo, la percentuale di interrogazioni sulla Sanità cui risponderà l’assessore competente Toti non si avvicinerà neanche lontanamente a performance accettabili”, dichiarano i consiglieri regionali del M5S.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 17 aprile
martedì 30 marzo
lunedì 29 marzo
Mucchio selvaggio
(h. 17:39)
Lotte e intestini
(h. 08:15)
giovedì 04 marzo
Mai più senza
(h. 15:10)
sabato 27 febbraio
Gli attesi mediocri
(h. 07:54)
mercoledì 10 febbraio
mercoledì 03 febbraio
Giganti e nani
(h. 08:43)
martedì 02 febbraio