Contromanomercoledì 12 settembre 2018 08:28

Ci siamo rotti più dei camion

Non son bastati 93mila euro in più per tre mesi a toglier la rumenta dalle strade di Savona. Il naufragio del “piano straordinario” è dovuto, secondo le parole dell'assessore Montaldo, a quattro camion guasti dei sei in dotazione ad ATA. Bel colpo. Prima di ripararli, dice, bisogna decidere se il metodo di raccolta verrà cambiato

Il problema è che mentre loro pensano Savona affonda nei rifiuti soliti urbani.

Si tratta di camion vecchi, spiega il superassessore, e il costo di riparazione sarebbe molto elevato. Comune e azienda, aggiunge Silvano, stanno valutando se la riparazione o l’acquisto di nuovi compattatori siano convenienti, in particolare nell’ottica di un cambiamento nei criteri di raccolta: ovvero se passare ai cosiddetti “cassonetti intelligenti” o alla raccolta porta a porta.

Quello che non ci dicono, però, è in quanto tempo intendano prendere la ferale decisione.

Perché Savona è ridotta da far pietà ma soprattutto vergogna.

A pensar male si fa peccato e noialtri siamo già attesi nei gironi dei malpensanti: ma, privatizzazione di ATA a parte, ci assale il dubbio che questa situazione intollerabile abbia lo scopo manco tanto recondito di aprir le porte a un bell'inceneritore in quella Vado che pur di favoleggiare di due posti di lavoro è disposta a tutto, magari anche a far respirare catrame a tutta la provincia.

LNS

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 22 settembre
venerdì 21 settembre
(h. 18:25)
sabato 15 settembre
venerdì 07 settembre
martedì 28 agosto
domenica 26 agosto
venerdì 24 agosto
giovedì 23 agosto
lunedì 13 agosto