Contromano24 febbraio 2020 09:04

I soliti eroi

Un rianimatore esperto, che ha da poco lasciato il lavoro ospedaliero, intende comunque mettere a disposizione la sua competenza, il suo tempo e il suo corpo, se necessario stabilendosi in ospedale per non correre il rischio di contagiare la famiglia, per aiutare i colleghi nella situazione difficile che si sta profilando nel Paese

I soliti eroi

Una storia che è arrivata fino a noi dalla Lombardia, e non è l’unica: non sono mai mancati medici e infermieri che si assoggettano a turni massacranti, che rinunciano alle ferie o alle notti di sonno. E non mancano adesso, quando l’Italia sta affrontando contemporaneamente un nuovo virus e una psicosi collettiva spropositata. 

Se il sistema sanitario terrà - e sottolineiamo il se - sarà grazie a questa gente: medici e operatori del servizio pubblico, che lavorano nonostante i tagli, le privatizzazioni, la carenza di personale, il precariato, la conta delle siringhe e delle aspirine - come se lo spreco di soldi pubblici stesse lì.

E quando l’emergenza sarà passata (perché ci vorrà qualche mese, ma passerà) aspettiamo al varco i politici che oggi si scannano, innervositi perché in questa situazione non sono i protagonisti ma al massimo dei mesti comprimari. 

Quelli di destra e quelli di cosiddetta sinistra, che governano e hanno governato stato e regioni: perché tagli e privatizzazioni li dobbiamo un po’ a tutti, anche se oggi fanno un post al minuto per ringraziare gli operatori della sanità.

Allora vedremo se il coronavirus sarà stato sufficiente per evitare altri scempi della sanità pubblica.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

venerdì 27 marzo
giovedì 26 marzo
Essere consapevoli
(h. 11:37)
lunedì 23 marzo
giovedì 19 marzo
domenica 15 marzo
De coccio
(h. 09:07)
sabato 14 marzo
#EroiUnaMinchia
(h. 08:44)
venerdì 13 marzo
giovedì 12 marzo
martedì 10 marzo
martedì 03 marzo