Contromano09 ottobre 2019 19:24

Il Gotha dei disastri

Oggi a Vado c’erano tutti. Si è dovuto riunire il grand commis delle catastrofi per capire che - per le infrastrutture dell’ecomostro Maersk - sino ad oggi non si è fatto una cheeppa

Il Gotha dei disastri

Riunioni, incontri, vertici, visite, delegazioni, brainstorming e gli immancabili tavoli e cabine di regia.

Niente.

Nei lustri non han combinato niente.

Niente casello, niente collegamenti ferroviari, niente strade a scorrimento veloce, niente infrastrutture insomma.

Niente. 

Hanno smontato persino di quel che restava del mañiloquente progetto meccatronico del Metrocargo - venduto come l’indispensabile innovazione della movimentazione containers - prima progettato, poi realizzato in 3D, poi come modellino prima e modellone poi, e infine messo in piedi non lontano dalle radici della piattaforma.

Per poi finire in niente dopo due collaudi, divorato da ruggine e rovi. Che tanto una mezza dozzina di € milioni - nel migliore dei casi - non si nega a nessuno.

Oggi la compagine politico portuale riunita in quel di Vado scopre che le infrastrutture per la piattaforma APM Maersk van fatte. E - tanto per cambiare - d’urgenza.

La stessa urgenza che prima che ci fosse non c’era, nei lavori di dragaggio del porto, dove manco a dirlo neppure l’impresa capofila risulta iscritta nelle white list antimafia.

Anche a Vado la fretta sarà come sempre nemica della trasparenza e del bene, anche pubblico.

http://www.ninin.liguria.it/2018/02/03/leggi-notizia/argomenti/contromano/articolo/in-morte-del-metrocargo.html

 

 

 

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

venerdì 29 maggio
giovedì 28 maggio
lunedì 25 maggio
sabato 23 maggio
mercoledì 20 maggio
martedì 19 maggio
sabato 16 maggio
giovedì 14 maggio
mercoledì 13 maggio
Benvenuta estate
(h. 15:55)