Contromano13 maggio 2020 15:55

Benvenuta estate

Dapprima fu il plexiglass. Poi l’ideona di alcuni patron di stabilimenti balneari: visto che dobbiamo avere più spazio, dateci anche le spiagge libere. Poi gli steward in divisa incaricati di distanziare i bagnanti nelle suddette spiagge libere (per Savona e provincia ne bastano due, visto che le spiagge libere son due fazzoletti di terra alla foce dei torrenti)

Benvenuta estate

Infine, la genialata: spiagge libere a pagamento. 

Ma tutto ciò è nulla, se paragonato alle nuove linee guida sfornate dall’Inail (9.261 impiegati) nel documento “tecnico” per la balneazione: diciannove pagine, scaricabili QUI, dove la parte più esilarante riguarda l’attività di salvamento in mare. 

La raccomandazione è di “valutare il respiro soltanto guardando il torace della vittima alla ricerca di attività respiratoria normale, ma senza avvicinare il proprio volto a quello della vittima e di eseguire le sole compressioni (senza ventilazioni) con le modalità riportate nelle linee guida. 

Se disponibile un DAE utilizzarlo seguendo la procedura standard di defibrillazione meccanica. 

Si raccomanda di indossare i dispositivi di protezione individuale (DPI)”, quindi insomma la mascherina. 

Il che renderebbe in effetti particolarmente disagevole la respirazione bocca a bocca.

Insomma, meglio morire annegati che rischiare di contagiarsi, o di contagiare.

Poi chiedeteci perché ogni tanto ci vergogniamo di essere italiani.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

giovedì 28 maggio
lunedì 25 maggio
sabato 23 maggio
mercoledì 20 maggio
martedì 19 maggio
sabato 16 maggio
giovedì 14 maggio
mercoledì 13 maggio
martedì 12 maggio
I due contagi
(h. 15:13)