Contromano19 maggio 2020 08:05

Savona a geometria variabile

I giornali e i siti d’informazione che contengono la cronaca savonese titolano “Il San Paolo restituito alla Città”, alludendo alla frettolosa e quasi clandestina cerimonia con la quale è stato aperto il cortile dell’ex-pronto soccorso, intitolato a Sandro Pertini

Savona a geometria variabile

In realtà i cittadini savonesi potranno usufruire di quello spazio ma lo storico edificio dove aveva sede l’ex-Ospedale è stato “sottratto alla Città”.

Sta concludendosi l’ennesima operazione di speculazione edilizia, quella speculazione che ha contrassegnato la perdita d’identità di Savona da “Città del lavoro” a soggetto indefinito nella sua funzione e nella sua natura, città parcheggio per croceristi annoiati che aspettano di imbarcarsi oppure impazienti di tornare a casa.

Soprattutto è stato tolto un tassello che sarebbe stato fondamentale, assieme a Palazzo Santa Chiara, al Convento di Sant’Agostino e a quello di San Giacomo (oltre alla possibilità di razionalizzare, soprattutto nell’accesso la fruibilità del Priamar), per quella Savona “città della cultura” che potrebbe rappresentare una delle poche possibilità di visione per il futuro riservato alla nostra piccola, amata Savona.

Per adesso però è bene puntualizzare: ai savonesi non è stato restituito nulla, anzi ancora una volta è stato tolto un bene pubblico prezioso trasformato in affare privato.

Franco Astengo

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

giovedì 28 maggio
lunedì 25 maggio
sabato 23 maggio
mercoledì 20 maggio
martedì 19 maggio
sabato 16 maggio
giovedì 14 maggio
mercoledì 13 maggio
Benvenuta estate
(h. 15:55)
martedì 12 maggio
I due contagi
(h. 15:13)