Contromano09 dicembre 2020 07:45

All’arma bianca

Come hashtag hanno scelto #dallapartedelledonne, ma nel manifesto gigante affisso in varie città italiane (compresa Genova) non troviamo proprio nulla che sia dalla parte delle donne

All’arma bianca

Anzi, a dirla tutta ci leggiamo piuttosto un oscurantismo bigotto e medievale che nega la libera scelta e ignora i sentimenti più intimi e dolorosi: agli innovativi creatori della campagna pubblicitaria di “Pro Vita & Famiglia” forse non è mai accaduto di accompagnare al consultorio una minorenne terrorizzata perché ha fatto un errore, o di consolare un’amica disperata perché ha scoperto di essere incinta ma la sua situazione non le consente di mettere al mondo un figlio. 

Nessuna di queste donne a quanto ci risulta si è mai divertita ad abortire, anzi tutte hanno impiegato anni per curare la cicatrice provocata da un evento dilaniante in ogni senso.

L’unica voce politica che si è alzata in difesa delle donne sembra finora essere quella di Linea Condivisa, che chiede che il manifesto venga rimosso: “Anche questa è violenza sulle donne”  scrivono, e ricordano che questi manifesti oltre a compromettere il diritto all’autodeterminazione “diffondono informazioni false, paragonando la RU-486, farmaco che permette di effettuare l'aborto senza bisogno di ricorrere a un ricovero ospedaliero, al veleno e consolidano stereotipi sessisti secondo i quali le donne sono delle Biancaneve inermi dal vestito bianco, incapaci di scegliere sulla propria vita e sul proprio corpo in maniera cosciente e consapevole.”

L’interruzione volontaria di gravidanza (IVG), una decisione che difficilmente si prende a cuor leggero, nello Stato italiano è un diritto già troppe volte negato: basti pensare alla percentuale di obiettori di coscienza negli ospedali. 

Tanto che il rischio vero, per molte donne magari non ricche, è quello di tornare alle mammane e all’aborto procurato coi ferri da calza, come nei tempi più bui dell’umanità.

All’arma bianca.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

martedì 05 gennaio
Faso Toti me
(h. 09:42)
lunedì 04 gennaio
domenica 03 gennaio
sabato 02 gennaio
Toti inside
(h. 09:36)
venerdì 01 gennaio
Fine Lega Mai
(h. 18:52)
martedì 29 dicembre
I danni dei Dem
(h. 12:37)
sabato 19 dicembre
Liguri su Marte
(h. 09:14)
giovedì 17 dicembre
lunedì 14 dicembre
Primule e peyote
(h. 12:40)
venerdì 04 dicembre
Liguria digitale
(h. 15:13)