Contromano24 ottobre 2019 07:42

La politica della fuffa

Dalla piattaforma Maersk all’Aurelia bis, l’unico risultato della politica degli annunci è una realtà fatta di sole attese: nessuna soluzione in vista per le nostre povere strade, della ferrovia manco a parlarne, mentre le nostre cosiddette autostrade, che del nome hanno solo i salati pedaggi, schianteranno sotto il peso di centinaia di TIR al giorno oltre a quelli che già le ammorbano

La politica della fuffa

Piermario Curti Sacchi su Trasporto Europa riporta bruscamente alla realtà gli amministratori liguri sulla piattaforma container APM Maersk di Vado Ligure: “La scommessa di trasferire una quota significativa di questo traffico via ferrovia rischia pesantemente di fare i conti con la rete infrastrutturale attuale. Dove nulla, o quasi, è stato fatto in previsione della nuova realtà portuale. Anche perché eventuali progetti hanno tempi lunghi di realizzazione e la politica degli annunci non produce frutti immediati”. Consigliamo la lettura integrale dell’articolo, chiaro e conciso: http://www.trasportoeuropa.it/index.php/home/archvio/44-ferrovia/20900-ferrovie-in-ritardo-per-il-porto-di-savona-vado 

Nel frattempo c’è chi prova a farci credere che le amministrazioni locali siano state “tranquillizzate” dal Ministero sull’eterno cantiere dell’Aurelia bis. 

La rassicurazione sarebbe questa: forse, tra un anno e mezzo, riapre il cantiere (!, ndr).

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

domenica 17 novembre
martedì 12 novembre
A regola d'arte
(h. 11:41)
domenica 10 novembre
mercoledì 06 novembre
venerdì 01 novembre
giovedì 31 ottobre
In ginocchio da te
(h. 12:47)
lunedì 28 ottobre
sabato 26 ottobre
martedì 22 ottobre