Contromano02 dicembre 2019 11:35

La figuraccia di Bucci e il ponte frontale

Graziella Quattrocchi, con una bella prova di democrazia, rispetto e garbo chiedeva ieri al sindaco Bucci di rinunciare all’intitolazione della passerella Firpo a suo fratello Fabrizio, per non scalzare il partigiano che da sempre, perfino su Google Maps, dà il nome al ponte

La figuraccia di Bucci e il ponte frontale

L’Amministrazione a quel punto ha dovuto capitolare: si può esser sordi di fronte all’Anpi, alla stessa famiglia Firpo, a una nutrita petizione e a tutta la sinistra ligure ma alla famiglia del commemorando proprio no.

Poi che succede? 

Cerchiamo di ricostruirlo dalle pagine della testata Genova Quotidiana.

Genova Antifascista, senza sapere della retromarcia di Bucci, piomba sulla passerella di Marassi per scriverci “ponte Firpo”.

In risposta, la targa a Quattrocchi (lasciata lì, ché c’era l’urgenza di scrivere la ricetta della cima alla genovese sulla pagina di “Marco Bucci per Genova”) viene ugualmente scoperta da un gruppo di estrema destra chiamato Azione Frontale. 

Adesso un’azione frontale, per quanto ci riguarda, spetterebbe all’amministrazione genovese che ha il compito di far rispettare le istituzioni.

Rimuova immediatamente la targa a Quattrocchi, ripulisca le scritte, commissioni una targa in memoria di Firpo da mettere sul ponte per l’eternità, cerchi - come assicurato ieri - un luogo più consono per la targa in memoria di Quattrocchi.

E soprattutto la smetta di contribuire a sgretolare ciò che resta della democrazia italiana con proposte che spaccano in due la società civile, ché le istituzioni son lì per unire e non per scavar fosse.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 18 gennaio
venerdì 17 gennaio
giovedì 16 gennaio
Scusaci Sandro
(h. 09:48)
mercoledì 15 gennaio
sabato 11 gennaio
venerdì 10 gennaio
mercoledì 08 gennaio
sabato 04 gennaio
martedì 31 dicembre