Contromano10 gennaio 2020 12:25

Le gallerie della vergogna

“Prive di impermeabilizzazione, di sistemi di sicurezza, di corsie di emergenza e vie di fuga, di videosorveglianza, di sensori di rilevamento dei fumi e sistemi di allarme antincendio, luci di guida in caso di evacuazione, stanze a tenuta stagna; senza un responsabile di riferimento in grado di monitorarle”

Le gallerie della vergogna

Queste le gallerie della rete autostradale italiana e soprattutto ligure secondo il Consiglio Superiore dei Lavori pubblici. 

Niente che già non avessimo scritto più volte, in tempi non sospetti quando ancora i viadotti stavano in piedi e il tetto delle gallerie non si riversava d’abitudine su strada.

Adesso però, specie qui in Liguria, sta letteralmente crollando tutto: l’altro giorno due tonnellate e mezzo di cemento armato son piombate in una galleria sulla A26 a Masone; poi gli altri “piccoli” crolli ieri sull’A10 ad Arenzano e stanotte sulla A6 a Quiliano.

Tutte le volte il sospiro di sollievo: “fortunatamente non si sono registrati danni a persone o vetture”, si legge.

E però ci chiediamo, cosa si pretende da tutti noi? Che ci si rassegni a sperare nella “fortuna” a pedaggio, appesi al ricatto che se si revocano le concessioni nessuno farà più niente del tutto e di pezzi di galleria ne crolleranno sempre di più?

Chiariamo una volta per tutte che sono lontanissimi da noi i populismi di ogni tipo, compreso quello autostradale di nuovo conio: noi non vogliamo l’uomo forte, ché solo l’espressione ci terrorizza.

Noi vogliamo uno Stato degno del suo nome, delle regole che rispettiamo e delle tasse che paghiamo. 

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

giovedì 13 febbraio
mercoledì 12 febbraio
lunedì 10 febbraio
sabato 08 febbraio
giovedì 06 febbraio
lunedì 03 febbraio
sabato 01 febbraio
venerdì 31 gennaio
lunedì 27 gennaio