Contromano10 gennaio 2020 12:25

Le gallerie della vergogna

“Prive di impermeabilizzazione, di sistemi di sicurezza, di corsie di emergenza e vie di fuga, di videosorveglianza, di sensori di rilevamento dei fumi e sistemi di allarme antincendio, luci di guida in caso di evacuazione, stanze a tenuta stagna; senza un responsabile di riferimento in grado di monitorarle”

Le gallerie della vergogna

Queste le gallerie della rete autostradale italiana e soprattutto ligure secondo il Consiglio Superiore dei Lavori pubblici. 

Niente che già non avessimo scritto più volte, in tempi non sospetti quando ancora i viadotti stavano in piedi e il tetto delle gallerie non si riversava d’abitudine su strada.

Adesso però, specie qui in Liguria, sta letteralmente crollando tutto: l’altro giorno due tonnellate e mezzo di cemento armato son piombate in una galleria sulla A26 a Masone; poi gli altri “piccoli” crolli ieri sull’A10 ad Arenzano e stanotte sulla A6 a Quiliano.

Tutte le volte il sospiro di sollievo: “fortunatamente non si sono registrati danni a persone o vetture”, si legge.

E però ci chiediamo, cosa si pretende da tutti noi? Che ci si rassegni a sperare nella “fortuna” a pedaggio, appesi al ricatto che se si revocano le concessioni nessuno farà più niente del tutto e di pezzi di galleria ne crolleranno sempre di più?

Chiariamo una volta per tutte che sono lontanissimi da noi i populismi di ogni tipo, compreso quello autostradale di nuovo conio: noi non vogliamo l’uomo forte, ché solo l’espressione ci terrorizza.

Noi vogliamo uno Stato degno del suo nome, delle regole che rispettiamo e delle tasse che paghiamo. 

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

lunedì 19 ottobre
sabato 17 ottobre
Pezzi di Toti
(h. 09:55)
domenica 04 ottobre
venerdì 02 ottobre
lunedì 28 settembre
mercoledì 23 settembre
domenica 13 settembre
giovedì 10 settembre
Scappiamo con Toti
(h. 16:07)
venerdì 28 agosto
giovedì 20 agosto