Contromano25 maggio 2020 09:15

La Costituzione degli steward

Sono mesi che assistiamo al triste spettacolo offerto da istituzioni di ogni ordine e grado che tentano di coprire la propria inadeguatezza nell’unico modo che conoscono: colpevolizzando i cittadini

La Costituzione degli steward

Accade in Italia, dal governo alle regioni giù giù fino ai sindaci. 

Accade, probabilmente, quasi ovunque nel globo. “Protetti dalla tecnologia e dalla scienza abbiamo fallito” scriveva Domenico Quirico pochi giorni fa, e con ragione. 

Il coronavirus ha evidenziato il fallimento di una classe dirigente che probabilmente è la più scarsa di sempre, in Italia e non solo.

La sanità tagliata selvaggiamente per decenni ha mostrato la sua vitale importanza mentre la gente moriva davanti alle telecamere, e adesso che l’esperienza permette a chi lavora in corsia di curarci un po’ meglio e finalmente possiamo respirare ecco che le sopracitate istituzioni vedono quel che tutti, a parte loro, avevano immaginato: le persone tornano a uscire e a riunirsi, alcune con la giusta prudenza altre effettivamente no.

E cosa ci s’inventa allora? 

Un esercito brancaleone di 60mila cosiddetti “assistenti civici”.

Gente che va ad aiutare gli anziani, i soli, i malati, a tenere i bambini dimenticati da chi dovrebbe occuparsi della loro formazione?

Macché: gente che avrà il compito di separare per strada i cosiddetti sani, come neppure nelle peggiori visioni di Tarkovskij. 

E con quale diritto? 

Perché un conto è se il governo assume 60mila poliziotti, altro è se mette in piazza i disoccupati regalandogli una pettorina e con essa il sogno eterno dell’italiano medio: una divisa per dire agli altri quel che possono o non possono fare.

Ma per questo, signori, ci sono le leggi.

E sta a voi farle chiare, rispettabili e rispettate.

Quindi non tirate troppo la corda, che noi le leggi le abbiamo rispettate sempre. Ma abbiamo ancora una Costituzione, e conosciamo i nostri diritti.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

giovedì 09 luglio
mercoledì 08 luglio
martedì 07 luglio
Oltre la decenza
(h. 18:28)
lunedì 06 luglio
domenica 05 luglio
Biglietti da visita
(h. 17:47)
giovedì 02 luglio
Qualcuno li aiuti
(h. 18:18)
martedì 30 giugno
domenica 28 giugno