Contromano08 luglio 2020 08:48

Savona turistica: le spiagge senza cessi

Continua la saga tra Comune e Autorità portuale sulla schifosa vicenda dei bagni pubblici nelle spiagge libere. A rimetterci, come al solito, chi non ha i soldi per pagarsi un ingresso

Savona turistica: le spiagge senza cessi

È un gioco sporco e puzzolente in senso reale e figurato, quello che sta avvenendo sulle spiagge libere savonesi, prive di bagni pubblici.

Risultato, gli abitanti di Zinola e Corso Vittorio Veneto si trovano con portoni marciapiedi e aiuole usati a guisa di latrine, con i profumi che possiamo intuire vista la temperatura e il decoro sotto i piedi, tanto per cambiare.

Caprioglio ha scritto all’Autorità portuale sulla necessità di servizi igienici, ma il porto ha detto no e cercato di tirar dentro gli stabilimenti balneari, che a loro volta han fatto una leva.

Uniche vittime, i frequentatori delle spiagge libere presenti e futuri.

Ci par già di sentirlo, all’inizio della stagione 2021: “l’anno scorso le spiagge libere erano cessi a cielo aperto, non apriamole”.

La discriminazione è quantomeno inaccettabile. 

Impossibile sanificare le toilettes? 

E perché? 

È vietato assumere qualcuno che lo faccia? L’Autorità portuale, a quanto si sa, vanta conti abbastanza floridi da sanificare tutti i bagni dell’Italia del Nord.

Le spiagge libere rischiano insomma di far la fine di tutti gli altri servizi pubblici a Savona: siccome sono di tutti, non sono di nessuno.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 01 agosto
giovedì 30 luglio
mercoledì 29 luglio
domenica 26 luglio
martedì 21 luglio
foto Fabio Palli, FIVEDABLIU
(h. 16:27)
domenica 19 luglio
mercoledì 15 luglio
lunedì 13 luglio
domenica 12 luglio