Cultura20 novembre 2018 07:25

Luce bianca

Il 1 dicembre al Teatro Garage di Genova va in scena la lettura teatrale di Chiara Pasetti, liberamente tratta dai testi di Antonia Pozzi, con Lisa Galantini e la regia di Alberto Giusta

Luce bianca

Il tre dicembre del 1938, a soli ventisei anni, moriva suicida la poetessa e fotografa Antonia Pozzi.

Tutti i suoi testi lirici e in prosa, nonché la sua tesi di laurea dedicata a Gustave Flaubert, sono stati pubblicati postumi; la sua opera fotografica è tuttora in corso di studio e catalogazione.

Del tutto ignorata in vita - spiega l'autrice Chiara Pasetti - negli ultimi anni la sua figura di donna, di poeta, di fotografa è stata oggetto di una crescente e clamorosa riscoperta, sia in Italia che nel mondo.

Antonia Pozzi è ormai riconosciuta come una delle voci liriche più importanti del Novecento. Saggi, film, romanzi, docufilm, reading, mostre hanno voluto indagare, talvolta con risultati notevoli, il suo ricchissimo immaginario femminile, il suo linguaggio raffinato, stregato, spesso straziato, la dolente sensibilità, la capacità di fermare attimi, paesaggi, volti attraverso la penna e la macchina fotografia.

A ottant’anni dalla sua scomparsa, questa produzione dell'Associazione culturale Le Rêve et la vie vuole renderle omaggio attraverso le sue poesie e le sue lettere.

Il ritratto di Antonia Pozzi è di Colette Deblé, esposto per la prima volta in Italia nella mostra Scrittura, arte e vita: Camille Claudel, Séverine, Antonia Pozzi (30 settembre - 15 ottobre 2016) presso Centro Sociale ex ospedale psichiatrico di Genova Quarto, a cura dell’Associazione culturale Le Rêve et la vie e I.M.F.I.

1 dicembre 2018

Genova

Teatro Garage – Sala Diana, ore 21

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 04 luglio
mercoledì 01 luglio
Su la testa
(h. 18:18)
domenica 28 giugno
sabato 27 giugno
Certe idee...
(h. 14:41)
sabato 20 giugno
Le ali di Lu
(h. 14:37)
giovedì 18 giugno
Volti di Liguria
(h. 09:17)
sabato 13 giugno
Senza traccia
(h. 12:51)
sabato 06 giugno
La stanza di consultazione di Sigmund Freud a Vienna (foto Edmund Engelman)
(h. 15:19)
sabato 30 maggio