Salute & Veleni11 luglio 2019 11:48

Parchi: salvare il salvabile

Italia Nostra, WWF, Legambiente e Lipu chiedono maggior tutela per le aree protette provinciali, rimaste senza protezione dopo la famigerata legge regionale taglia-parchi

foto: la sughereta di Bergeggi, italianostra.org

foto: la sughereta di Bergeggi, italianostra.org

Ecco il testo della lettera inviata in Regione: 

All ‘Assessore all'Agricoltura, Sviluppo dell'entroterra e delle zone rurali della Regione Liguria

Oggetto: Legge regionale della Liguria 19 aprile 2019 n. 3 : “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 22 FEBBRAIO 1995, N. 12 (RIORDINO DELLE AREE PROTETTE) E ALLA LEGGE REGIONALE 10 LUGLIO 2009, N. 28 (DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ)” 

In riferimento all’oggetto, le scriventi organizzazioni Italia Nostra, Legambiente, LIPU e WWF, associazioni di protezione ambientale riconosciute, evidenziano che la nuova legge regionale sui parchi, da noi contestata sia in sede locale e in sede nazionale, lascerebbe comunque prive di tutela le aree provinciali savonesi (per la parte non ricadente nei SIC, ora ZSC).

Queste aree però, nel corso degli anni, sono state oggetto di grande attenzione ed significativi investimenti di studio. Per non sprecare tutto il lavoro e l’attenzione registrati in questi anni, chiediamo di estendere l’obbligo della procedura di “valutazione di incidenza” anche per tali parti di territorio che, sennò, resterebbero scoperte.

Pertanto preso atto Delle modifiche apportate con L.R. 03/2019 alla LEGGE REGIONALE 22 FEBBRAIO 1995, N. 12, di tutte le motivazioni che hanno condotto la modifica alla legge stessa, ed in particolare alla soppressione dallo status giuridico di area protetta delle 42 aree protette di interesse locale della Provincia di Savona (Articolo 8, Sostituzione dell’articolo 14 della l.r. 12/1995).

Tenuto conto, come si evince dalle motivazioni della Regione Liguria contenute nell’iter che ha condotto all’approvazione di tali modifiche: … in larga parte coincidono con Siti Natura 2000 affidati alla gestione della Amministrazione provinciale…”

Considerato che le 42 aree protette fanno parte del Piano Provinciale delle Aree Protette e dei Sistemi Ambientali, parte integrante del Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Savona, e sono state istituite ed individuate di interesse locale, tenendo conto che di fatto, gli enti che allora (primi anni del 2000) le hanno individuate ed approvate, ne hanno riconosciuto una loro valenza ed importanza dal punto di vista ambientale, visti gli habitat e specie sia animali che vegetali di interesse comunitario presenti.

Alla luce di quanto le scriventi chiedono che alle parti di territorio ricadenti nel perimetro delle 42 aree protette di interesse provinciale, attualmente escluse dal regime di tutela (Z.S.C.) imposto dalla normativa vigente in materia di salvaguardia della biodiversità (L.R. 28/2009, DPR 357/97 e s.m.i.), vengano incluse negli obblighi dettati dall’artt. 6 e 8 della legge regionale 10 luglio 2009, n. 28 (Disposizioni in materia di tutela e valorizzazione della biodiversità) e dalle D.G.R. 30/2013 aggiornata con D.G.R. 226/2019.

Restiamo in attesa di un vostro riscontro ed incontro, e porgiamo Distinti saluti

per le Associazioni di protezione ambientale:

WWF Italia Delegazione Liguria Il Delegato Marco Piombo

Legambiente Liguria Il Presidente Santo Grammatico

LIPU Liguria Il Responsabile Aldo Verner

Italia Nostra Sezione Liguria Il Presidente Roberto Cuneo

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

martedì 17 settembre
domenica 15 settembre
sabato 14 settembre
I rischi del 5G
(h. 14:50)
venerdì 13 settembre
giovedì 12 settembre
venerdì 06 settembre
Fin dal 2001
(h. 14:49)
mercoledì 04 settembre