Cultura18 giugno 2020 07:52

Ottant'anni da quel 18 giugno

Oggi è bello associarsi ai francesi nella celebrazione del meraviglioso momento in cui un semi - ignoto militare, Charles de Gaulle, da Londra lanciò un bando radiofonico che non ammetteva la vittoria tedesca ma invitava il Paese a combattere il nemico nazista e riconquistare la libertà

Ottant'anni da quel 18 giugno

I francesi a volte sono lievemente supponenti, il loro continuo "chez nous" può essere pesante, ma loro non hanno avuto un premier che sfruttava il 25 aprile per fare una scorpacciata di sesso o un ministro che in tale data inaugurava caserme di polizia per non apparire su qualche piazza a commemorare la Resistenza. 

Facciamo grazia di un altro ministro, che predicava un uso della bandiera italiana più confacente alla carta igienica che ad un simbolo della Repubblica.

Non abbiamo potuto celebrare il 25 aprile se non nel nostro cuore, e ora festeggiamo quella Resistenza cui i francesi dedicano il 18 giugno.

Francesco Servettaz

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

sabato 04 luglio
mercoledì 01 luglio
Su la testa
(h. 18:18)
domenica 28 giugno
sabato 27 giugno
Certe idee...
(h. 14:41)
sabato 20 giugno
Le ali di Lu
(h. 14:37)
giovedì 18 giugno
Volti di Liguria
(h. 09:17)
sabato 13 giugno
Senza traccia
(h. 12:51)
sabato 06 giugno
La stanza di consultazione di Sigmund Freud a Vienna (foto Edmund Engelman)
(h. 15:19)
sabato 30 maggio
sabato 23 maggio