Cose belle20 luglio 2020 09:48

Castelfranco, gli ultimi appuntamenti

Musica klezmer e rock, Igor Chierici nei panni di Ernest Shackleton, Paolo Rumiz e Daniele Ventola protagonisti dell'ultima settimana di programmazione di Forza 8 a Finale Ligure

Castelfranco, gli ultimi appuntamenti

La rassegna di musica teatro e incontri FORZA 8, frutto della collaborazione tra le associazioni Allegro con Moto, Associazione E20 e Circolo degli Inquieti si avvia alla conclusione con gli ultimi tre appuntamenti: 

 

martedì 21 luglio il palcoscenico della Fortezza si animerà grazie al TWO-FOL QUARTET e il loro programma GREATEST HITS, una cavalcata attraverso i generi musicali.

Ingresso 8 euro. È necessaria la prenotazione

 

giovedì 23 luglio l’attore Igor Chierici accompagnato dal musicista Edmondo Romano darà corpo a una delle avventure di esplorazione più incredibili di tutti i tempi, quella legata a sir Ernest Shackleton e i suoi 28 uomini bloccati fra i ghiacci nell’Antartide.

Ingresso 20 euro. È necessaria la prenotazione.

 

venerdì 24 luglio infine, a conclusione della rassegna, il Circolo degli Inquieti assegnerà il Premio Inquietus Celebration 2020 a due grandissimi viaggiatori contemporanei, il giornalista e scrittore Paolo Rumiz e il giovane antropologo napoletano, Daniele Ventola. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. È necessaria la prenotazione.

 

Tutti gli incontri iniziano alle 21.30.

_____________________

 

Martedì 21 luglio Il quartetto di clarinetti TWO - FOL Quartet ovvero Nicholas Gelli, Giovanni Vai, Pierpaolo Romani e Luca Troiani nasce dalla commistione di esperienze diverse che hanno i quattro strumentisti  tra musica orchestrale, jazz, popolare, sapientemente amalgamata e restituita in un concerto che dalla musica barocca passa per quella klezmer, toccando la musica classica e sfociando nel rock progressivo.  Il concerto permette di assaporare tutte le qualità timbriche non solo del clarinetto tradizionale ma anche le degli altri membri della famiglia, infatti il quartetto è composto da quattro tipi diversi di clarinetto: clarinetto piccolo, clarinetto, corno di bassetto, clarinetto basso. 

 

Giovedì 23 luglio il palcoscenico della Fortezza ospita una delle storie di esplorazione più incredibili di tutti i tempi, quella di Ernest Shackleton e della sua nave Endurance.

Lo spettacolo I DIARI – ERNEST SHCKLETON fa parte del progetto Capitani coraggiosi firmato da Sergio Maifredi direttore artistico del Teatro Pubblico Ligure che produce lo spettacolo.  Capitani coraggiosi racconta la grande letteratura di mare, la storia di marinai, naufraghi, esploratori attratti dal folle volo come acrobati di uno spettacolo che ha come teatro il mare, come chapiteau il firmamento. Il progetto dà voce ai protagonisti, in un racconto orale di avventure antiche quanto l’uomo.

L’attore Igor Chierici è accompagnato da Edmondo Romano che esegue musiche dal vivo suonando  chalumeau, clarinetto e cornamuse.

La vicenda di Shackleton inizia con un annuncio comparso sul Times inglese “Giugno 1914 - Cercasi uomini per spedizione rischiosa, freddo estremo, paga misera, lunghi mesi nella completa oscurità, nessuna garanzia di ritorno, onori e riconoscimenti in caso di successo“. A questo annuncio risposero centinaia di uomini fra cui Shackleton selezionò i 27 uomini che con lui cercarono l’avventura di traversare l’Antartide a piedi.

La loro nave, Endurance, ovvero perseveranza, dopo mesi di navigazione di avvicinamento all’Antartide, rimase bloccata dai ghiacci e dovette essere abbandonata quando la banchisa a forza di pressioni la stritolò facendola inabissare. In questo frangente, Shackleton riuscì non solo a tenere unito il gruppo, ma a condurre un’operazione incredibile di salvataggio senza vittime, affrontando con successo innumerevoli traversie durante due anni. Tenne un diario che descrive tutte quelle lunghe giornate. L’epica avventura fra i ghiacci artici conduce il pubblico nei racconti autentici del comandante che ha creato una vera e propria immagine della leadership moderna. Ventotto uomini dispersi fra le coste e i mari artici, con temperature che oscillano dai -20 ai -40 gradi sotto zero, capitanati dall’unico uomo in grado di salvarli: Sir Ernest Shackleton.

 

Infine, venerdì 24 luglio, la rassegna si conclude con la serata che il Circolo degli Inquieti di Savona dedica al Premio Inquietus Celebration 2020, che concorre, con la manifestazione Inquieto dell’Anno, a celebrare e promuovere l’Inquietudine come sinonimo di conoscenza e crescita culturale. Il medium è l’incontro con personalità affermatesi per vivacità intellettuale e sentimentale e per l’originalità del loro percorso di vita o di carriera.

 

Come tutti gli anni il Circolo ha scelto un tema, quest’anno COMPAGNI DI VIAGGIO: VIAGGIO E INQUIETUDINE,  su cui declinare le diverse attività, premi compresi.

 

Il premio Inquietus Celebration viene quindi assegnato quest’anno ad un giovane viaggiatore, l’antropologo Daniela Ventola e al giornalista e scrittore Paolo Rumiz che in viaggio, con ogni mezzo e ovunque, ha trascorso gran parte della sua vita. Ad accomunarli la curiosità inquieta di compenetrarsi nei luoghi che attraversano e il senso del viaggio che è davvero tale solo se è forte la consapevolezza delle proprie radici, il luogo da cui si è partiti.

Paolo Rumiz è un giornalista e scrittore che si autodefinisce “nomade”. Rumiz è un viaggiatore che  ha saputo viaggiare e riempire taccuini di viaggio persino durante la pandemia, all’interno della propria casa. Con una scrittura puntuale, chirurgica, porta i suoi lettori a vedere luoghi, i più disparati, ma soprattutto a percepirne le emozioni, i profumi, le atmosfere. E poi i volti, i sentimenti nei mille personaggi che incontra, da cui si lascia attraversare, inquietare mai incantare. Ogni suo viaggio parte dalla porta di casa, solo così- dice Rumiz- posso proiettare le “mie” misure sul mappamondo… e viaggiare è solo un allargamento dell’Heimat.
 

Daniele Ventola è un antropologo napoletano che circa due anni fa, nell’estate 2018, è partito a piedi da Venezia per raggiungere Pechino, ripercorrendo quindi la Via della Seta.  Ha raccontato il suo procedere su Facebook dalla sua pagina  IL VENTO DELLA SETA.

 

Ha dormito a casa di persone che lo ospitavano, condividendo, come gli antichi pellegrini, cibo, giacigli improvvisati, storia del luogo, chiacchiere, tè.

 

Il virus lo ha costretto a fermarsi a poca distanza dalla meta, in Kirghizistan, dove ancora si trova, e il visto per la Cina è scaduto. Il suo viaggio si è dunque dovuto fermare.

 

Daniele ovunque sia andato ha imparato un po’ di lingua del luogo: oggi in Kirghizistan parla con i locali un po' in russo e un po' in kirghizo.

C'è un Daniele per ogni lingua che ha imparato e che al momento giusto viene fuori e poi c'è il Daniele che è la sfera che li contiene tutti ed è il risultato dei tanti Danieli diversi, uno per ciascun paese attraversato. In questo senso IL VENTO DELLA SETA è stato un viaggio di iniziazione e di identificazione.

 

IL VENTO DELLA SETA è stato anche un viaggio preistorico dal momento che ha viaggiato a piedi contando sulle sue forze e i suoi buoni incontri.

Ed è stato infine un viaggio storico perché in ogni luogo dove si è fermato ha scoperto la storia locale, dal passato al presente sociale e politica di ogni territorio, e poi un viaggio personale che ha fatto di Daniele l'uomo che è oggi.
 Rumiz e Ventola saranno intervistati sui loro viaggi attraverso un collegamento in streaming.
 

INFO E PRENOTAZIONI

335 6671370 – 393 3977814 | forza8eventi@gmail.com

Prevendita abbonamenti: LIBRERIA CENTOFIORI, Via Ghiglieri 10 a Finale Ligure; Tel. 019 692319

 

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

mercoledì 12 agosto
lunedì 10 agosto
La volpe gentile
(h. 11:26)
sabato 08 agosto
Il Volo
(h. 06:47)
venerdì 07 agosto
mercoledì 29 luglio
martedì 28 luglio
Tracce di rotte
(h. 06:51)
sabato 25 luglio
giovedì 23 luglio
mercoledì 22 luglio
Musica e parole
(h. 06:47)
lunedì 20 luglio