Cose belle16 settembre 2019 07:20

Il Museo della Ceramica presenta Saint Sebastian, un’opera di Vincenzo Cabiati

Appuntamento sabato 21 settembre alle 17, nella Sala conferenze di Palazzo Gavotti in Piazza Chabrol 1, Savona

l'artista in uno scatto di Marcello Campora

l'artista in uno scatto di Marcello Campora

Nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio edizione 2019, il Museo della Ceramica presenta Saint Sebastian dell’artista Vincenzo Cabiati. L’opera è allestita nella sala dedicata alla collezione di ceramiche ottocentesche prodotte dalla fabbrica savonese F.lli Folco.

Seguirà visita all’installazione con la presenza dell’artista.
Per l'evento, a cura di Riccardo Zelatore, la prenotazione è obbligatoria.

Ideato e prodotto nel 2019, Saint Sebastian è un’opera in ceramica e neon realizzata da Cabiati in collaborazione con due laboratori di ceramica artistica del territorio, Ceramiche Pierluca e Ceramiche Mazzotti di Albissola Marina.  

Nato dalla volontà di realizzare un lavoro su San Sebastiano e ispirato all’ambigua iconografia del santo che ha caratterizzato nei secoli la sua rappresentazione, il progetto prende avvio da semplici vasi in ceramica realizzati al tornio.

Richiamando la storia del martire — San Sebastiano fu perseguitato dai Romani a causa della sua fede cristiana, legato a un palo e trafitto da numerose frecce — Cabiati si avvale di tubi al neon per trafiggere gli stessi vasi come se fossero il corpo del santo.

Sui vasi si inseriscono anche estensioni in maiolica e decorazioni a terzo fuoco che includono oro, platino e smalti e rimandano all’estetica barocca. 
A smorzare i toni austeri delle forme dei manufatti in ceramica e la violenza del gesto che li trafigge, subentra la luce rosa shocking del neon di chiara derivazione pop. La luce fluorescente appare all’improvviso, come una sterzata in corsa, per ribaltare le premesse rigorose con cui sono stati realizzati i vasi. 
Saint Sebastian parte sobrio, contenuto, rispettoso della storia e del saper fare ceramico, ma all’improvviso diventa smodato ed eccessivo, fuori controllo, tanto da invadere di luce tutto lo spazio. Con questo lavoro si conferma lo spirito ironico e irriverente di Cabiati che è alla base della sua ossessione di superarsi ogni volta.

Originario di Vado Ligure (Savona) e figlio d’arte, Cabiati nella sua formazione artistica si ispira alle opere del padre Achille. Formatosi nello studio paterno, alla fine degli anni ’80 si trasferisce a Milano dove allestisce la sua prima mostra personale, Femminea, presso la Galleria Giò Marconi. 
Le sue opere vivono e prendono forma grazie a molteplici contaminazioni — cinema, architettura e arte. Attraverso l’utilizzo di diversi materiali e procedimenti di lavorazione, i suoi lavori trovano continuamente nuovi spunti di realizzazione. Obiettivo dell’artista è estrapolare elementi significativi dalla realtà, contribuendo a un loro rinnovato valore poetico e affettivo. La ceramica policroma è tra i suoi mezzi di espressione privilegiati.

Le riprese fotografiche sono di Marcello Campora.

Contatti 
Fondazione Museo della Ceramica di Savona ONLUS, Giulia Macchiarella
Tel. 340 9363059 — comunicazione@museodellaceramica.savona.it 
musa.savona.it/museodellaceramica/ 
via Aonzo 9, Savona, 17100, SV

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

domenica 20 ottobre
Regine di fuori
(h. 07:29)
sabato 19 ottobre
Chi adotta Piccolo?
(h. 12:00)
giovedì 17 ottobre
Ierofanie
(h. 06:59)
mercoledì 16 ottobre
martedì 15 ottobre
lunedì 14 ottobre