Contromano13 luglio 2020 12:19

Ata: dov’è il piano industriale?

Dapprima fu accusata dalle opposizioni di fungere da comodo bancomat per la giunta Berruti. Poi arrivò il 2016 e le opposizioni andarono al governo della città promettendo ruspe. Ruspe non se ne sono viste, in compenso il parco mezzi è andato in malora: funziona in media un camion su quattro

Ata: dov’è il piano industriale?

Poi l’alzata d’ingegno di metà mandato: facciamo la newco (tradotto, privatizziamo). 

Venne il 2019 e con lui il manager toscano Tapparini, che beato lui “situazioni drammatiche non ne vedeva”. 

Arrivò il 2020, con Savona sommersa dalla rumenta e gli abitanti infuriati per una Tari sempre più alta. 

A gennaio Silvano annunciava che entro la primavera la difficile pratica newco sarebbe stata conclusa. 

Adesso eccoci a luglio, coi lavoratori ATA che per la seconda volta in venti giorni fanno sciopero, e i cassonetti che scoppiano di rifiuti e puzza. 

E non è per capriccio che scioperano, ma per un motivo ben preciso. I precari son sempre precari, e soprattutto il piano industriale, promesso venti volte in consiglio comunale e almeno cento ai microfoni della stampa, non lo trova nessuno. 

“Se il Comune di Savona non ci darà una risposta in giornata, domani 14 luglio ci fermeremo di nuovo” scrive la CGIL.

Nonostante il Comune prometta un documento entro le 14 di oggi, l’unica risposta reale potrebbe essere proprio quel leggendario piano industriale, che chissà se qualcuno l’ha scritto.

E se sì, chissà dove lo tiene.

Quattro anni spesi bene.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

lunedì 10 agosto
sabato 01 agosto
giovedì 30 luglio
mercoledì 29 luglio
domenica 26 luglio
martedì 21 luglio
foto Fabio Palli, FIVEDABLIU
(h. 16:27)
domenica 19 luglio
mercoledì 15 luglio
domenica 12 luglio