Contromano21 giugno 2020 08:32

E dobbiamo perfino pagare

Da una settimana i giornali pubblicano l’incredibile appello di ATA ai savonesi, che dovrebbero per amor di patria “tenersi la spazzatura in casa” per un giorno

E dobbiamo perfino pagare

Domani infatti i lavoratori della partecipata saranno in sciopero e in presidio sotto il Comune: uno sciopero che si può ben comprendere visto che del piano industriale a lungo promesso si è persa ogni traccia, come degli attesi concorsi per la stabilizzazione dei precari. 

Per non parlare della situazione del parco mezzi, che ormai potrebbe essere argomento d’interesse archeologico.

Domani quindi dovremmo tutti tenerci in casa la spazzatura a decomporsi in cucina, ché le strade saran già colme di quella prodotta dal mercato settimanale.

Ovviamente tace ciò che resta dell’amministrazione comunale, tutta intenta a scannarsi al suo interno dopo l’ennesima figuraccia sulla TARI e sulla gestione di ATA in generale: il servizio di pulizia delle strade e rimozione rifiuti è andato peggiorando fino a raggiungere livelli che solo pochi anni fa sarebbero stati inimmaginabili, mentre il costo del servizio ha continuato a crescere senza contare gli una tantum generosamente erogati dal Comune alla partecipata.

I più cornuti e più mazziati saranno come al solito i Savonesi, che la rumenta dovranno tenersela in casa, mentre i bollettini dovranno portarli in posta e perfino pagarli.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

mercoledì 08 luglio
martedì 07 luglio
Oltre la decenza
(h. 18:28)
lunedì 06 luglio
domenica 05 luglio
Biglietti da visita
(h. 17:47)
giovedì 02 luglio
Qualcuno li aiuti
(h. 18:18)
martedì 30 giugno
domenica 28 giugno
mercoledì 24 giugno
HaraIRI
(h. 15:31)