Cultura25 marzo 2022 12:36

Vetrine d'Artista: espone Giuseppe Bottione

Dal 4 aprile in Corso Italia saranno visibili le icone dell'artista, che usa con maestria vari materiali come l’antica tecnica della tempera all’uovo

Vetrine d'Artista: espone Giuseppe Bottione

Giuseppe Bottione, nato a Torino, è Maestro iconografo di raffinata tecnica e sensibilità.

E’ innata la sua manualità e così l’interesse per le attività artistiche che con la “conoscenza” della vita monastica e l’indubbio approfondimento storico-teologico-spirituale della cultura ortodossa lo hanno indotto nel 1998 a frequentare corsi si iconografia svolti dal maestro Giovanni Mezzalira.

L'icona, si può definire essenza di sacralità e divinità, presenta quindi le seguenti caratteristiche: astrazione, atemporalità (la dimensione del divino è fuori del tempo cronologico), spiritualizzazione del volto, armonia e simmetria ottenute con proporzioni geometriche, frontalismo della figura, bidimensionalità ed incorporeità della figura rappresentata, colore come gioia dello Spirito, costruzione piramidale.

Non è un ritratto realistico, ma un'immagine ideale, atemporale con spiccato simbolismo. Queste immagini si trovano nell'arte occidentale medievale, che rimase di stampo bizantino fino all'epoca di Cimabue, per poi cambiare decisamente maniera con Giotto, che si impose con la ricerca del naturalismo e lo studio della prospettiva.

Bottione  usa vari materiali come l’antica tecnica della tempera all’uovo con grande competenza e maestria, i suoi colori ci rimandano alla gioia del vivere la propria fede, anche nell’arte.

Alcuni maestri del Novecento come Henri Matisse rimasero colpiti dalle icone guardando quelle russe, per esempio Vladimir Tatlin e Natalia Goncarova cominciarono la loro carriera dipingendo proprio icone.

Le opere di Bottione ci fanno meditare e emozionare grazie all’armonia che sanno  infondere con  grazia e con  una  tavolozza complessa e, nel contempo, semplice che cerca un intenso rapporto col divino, inoltre il Maestro  trasmette questa antica arte ai suoi allievi. L’Artista s’ispira al periodo d'oro dell'arte sacra dell'oriente e dell'occidente, quando l'opera richiesta al pittore, aveva ancora tra le chiese orientali e occidentali gli stessi canoni iconografici con le loro specificità.

Silvia Bottaro

In copertina:  Giuseppe Bottione, La Madonna del popolo, ispirata dal maestro Lippo Menni, tempera all'uovo su tavola in massello di tiglio gessato e lamina in oro 24 k  con tutti pigmenti naturali e  tecnica della pittura con le "Mecche" per le decorazioni e le aureole dell'opera.

Iniziativa: Vetrine d’artista – sede Banca Carige, ex Carisa, corso  Italia a Savona

Espone: GIUSEPPE  BOTTIONE

Periodo: dal 4 APRILE 2022- 4 MAGGIO 2022

Inaugurazione/apertura: 4 aprile 2022, ore 10

Curatore: Dr.a Silvia Bottaro, presidente Associazione “Aiolfi” no profit, Savona e  critico d’arte

 

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

domenica 22 maggio
G. Bottione, Madonna del Popolo
(h. 19:07)
martedì 17 maggio
sabato 14 maggio
lunedì 02 maggio
Maggio alla Ubik
(h. 17:52)
mercoledì 27 aprile
martedì 26 aprile
venerdì 22 aprile
martedì 19 aprile
giovedì 14 aprile
giovedì 07 aprile