Salute & Veleni22 aprile 2021 14:28

Centrale di Vado: la paura di informare

Ferruccio Sansa: "non dobbiamo temere di informare i cittadini, soprattutto in una realtà come Vado in cui l’inquinamento della centrale a carbone è oggetto di un processo per disastro ambientale"

Centrale di Vado: la paura di informare

"Il ministero della Transizione ecologica ha detto “no” alla richiesta dei cittadini di essere informati sul procedimento di valutazione dell’impatto ambientale per il raddoppio dell’impianto a turbogas di Vado Ligure.

Non siamo d’accordo" dichiara il consigliere regionale Ferruccio Sansa.

"Non bisogna avere paura di informare i cittadini. Soprattutto, in una realtà come Vado in cui l’inquinamento della centrale a carbone è oggetto di un processo per disastro ambientale.

Ci sono studi di esperti del Cnr che parlano di un’eccellenza di mortalità di oltre 4mila casi. I casi sono persone; sono uomini, donne e bambini. La gente di Savona deve essere informata perché ne va della sua vita.

Non solo, noi siamo fermamente convinti che invece de raddoppio della centrale a turbogas si possano ospitare attività economiche che porteranno molto più posti di lavoro (centinaia invece dei 30 del nuovo impianto).

Questa è la nostra idea di ambiente che vale sia per Vado che per La Spezia: meno inquinamento, più lavoro e più futuro" conclude Sansa.

com

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

venerdì 18 giugno
martedì 15 giugno
lunedì 31 maggio
giovedì 27 maggio
domenica 23 maggio
sabato 22 maggio
Eseguire, ora
(h. 15:03)
venerdì 21 maggio
martedì 18 maggio
lunedì 17 maggio
sabato 08 maggio
Diritto al respiro
(h. 09:10)