Contromano09 giugno 2020 08:41

Fantozzi era ligure

Certo che noi liguri siamo anche parecchio sfigati. La riunione romana che dovrebbe sistemare le traballanti sorti della cosiddetta alleanza progressista in vista delle regionali - che a decider qui non ce l’hanno fatta e han dovuto convocare i genitori - si terrà oggi. Ve lo immaginate?

Fantozzi era ligure

Già a Roma contiamo quanto il due di picche nelle giornate normali, figuratevi oggi. 

Col governo ai coltelli per il “piano Coalo”, cioè le 121 pagine di libro dei sogni dove si consiglia - manco a dirlo - meno burocrazia e più parità di genere: più digitalizzazione ça va sans dire, poi la solita stupefacente riforma fiscale senza dimenticare l’ineluttabile “semplificazione” del Codice Appalti, che speriamo di non dover tradurre in cancellazione. 

E d’altra parte sarebbe stato difficile trovar scritto che la burocrazia va  ingrassata, le tasse evase, il potere dato integralmente alle mafie e le donne chiuse in casa con ferri e gomitoli.

Tant’è anche questa sciacquatura di piatti è riuscita a creare pesanti frizioni, con Conte che dice gelido che non è stato lui a far filtrare i contenuti del piano e che si tratta solo di spunti tecnici, e che comunque ora ci pensa lui.

Lesa maestà per il PD che, altra novità mai vista, chiede “un cambio di passo” mentre le due componenti del governo si scannano sottotraccia sul MES e su tutto il resto.

Ecco. 

In questa situazione, immaginate quanto gliene può fregare ai tavoli capitolini di dirimere la rissa tra il PD e i 5S nostrani per trovare, a tre mesi dal voto per le regionali, un candidato da contrapporre al Toti.

LNS

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie de LA NUOVA SAVONA

mercoledì 08 luglio
martedì 07 luglio
Oltre la decenza
(h. 18:28)
lunedì 06 luglio
domenica 05 luglio
Biglietti da visita
(h. 17:47)
giovedì 02 luglio
Qualcuno li aiuti
(h. 18:18)
martedì 30 giugno
domenica 28 giugno
mercoledì 24 giugno
HaraIRI
(h. 15:31)